Il Museo del Rugby a Colleferro

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

Quattrocento metri quadri di esposizione suddivisi in nove sale dove sono custoditi oltre quindicimila cimeli rugbistici della Fondazione Il Museo del Rugby, Fango e Sudore.

E' il Museo del Rugby a Colleferro, a pochi chilometri da Roma, che recentemente - il 10 novembre 2015 - ha rinnovato la sua sede.

Il museo ospita la mostra fotografica Obiettivo Ovale con diciotto pannelli di Sabrina Conforti, le opere artistiche di Roberto De Pascale, le mostre personali dedicate a Mario Battaglini, icona del rugby italiano, e ai Fratelli Vinci, padri fondatori del rugby romano ed in campo nella prima partita dell'Italia nel 1929.

Gli oltre quindicimila cimeli al Museo del Rugby a Colleferro sono di diverse epoche e provenienza: fotografie, manifesti, trofei, gagliardetti, palloni, libri, cravatte e pins. Al centro della collezione, più di millecinquecento maglie da rugby suddivise per aree geografiche e che coprono un arco temporale di oltre ottant'anni, dalla prima partita della Nazionale Italiana disputata a Barcellona nel 1929 ai giorni nostri. Oltre cento magliette sono visibili per la prima volta al pubblico. Ognuna rappresenta una particolarità e un pezzo di storia del rugby italiano. La maglia è un reciproco dono fra due giocatori avversari, di solito con lo stesso numero di maglia, che si scambiano "il fango ed il sudore", il rispetto e l'onore della vittoria, perché al vinto va la maglia del vincitore.

Nato come collezione privata grazie alla passione dell'ex giocatore di rugby Corrado Mattoccia, Il Museo del Rugby, Fango e Sudore è divenuto fondazione il 14 novembre 2012. Tra i suoi soci fondatori: Giovanni (Nanni) Raineri (22 caps Azzurri), che ha posto la "prima pietra" della collezione donando il suo personale patrimonio ovale, e Mauro Bergamasco (17 anni in Azzurro, 13 edizioni del "6 Nazioni", 5 Mondiali disputati) che ha consegnato al museo le maglie della propria carriera agonistica (Benetton Treviso, Italia, Stade Francais, Aironi e Zebre) e lo Scudo di Brenno, trofeo che viene assegnato ai Campioni di Francia, vinto da Mauro Bergamasco nel 2007.

Nel 2010, il museo ha ricevuto la Medaglia di Bronzo dal Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, che espone temporaneamente lungo lo Stivale.

Per maggiori informazioni: www.ilmuseodelrugby.it; info@ilmuseodelrugby.it

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria