IL MUSEO DEL SODALIZIO DEI FACCHINI DI SANTA ROSA

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

Sono trascorsi molti anni, anzi secoli, da quando è avvenuto il primo trasporto di Santa Rosae molte sono le testimonianza che i facchini, riuniti in sodalizio dal 1978, hanno potutoraccogliere nel tempo, tante da poter realizzare un museo.

Si tratta del Museo del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa, allestito in uno spazio donato dal Comune di Viterbo nel 1978, situato in Piazza San Pellegrino, centro del quartiere medievale ricco di piazzette, di viuzze, di profferli, di archi e torri conservate perfettamente nel loro aspetto duecentesco, in un ambiente molto suggestivo. Tutti gli edifici sono stati costruiti utilizzando il peperino, tipica pietra locale di origine vulcanica di colore grigio.

Il museo raccoglie materiale relativo alla più antica e sentita tradizione della città: il trasporto della Macchina di S. Rosa.

L' esposizione si sviluppa su due piani, al  piano terra possiamo ammirare 10 modellini in scala delle varie Macchine di S.Rosa trasportate nel passato, esposti in ordine cronologico dal più antico pervenutoci, del 1690 ai modelli successivi riferibili al XX secolo, tra i quali  "Ali di Luce" ideata dall'architetto e facchino Raffaele Ascenzi e  "Fiore del Cielo" trasportata tra il 2009 e il 2014.

A parete sono presenti i disegni delle Macchine più antiche. All'interno del Museo si trova anche un "ciuffo" (particolare cuscinetto protettivo usato dai Facchini durante il trasporto) commemorativo della visita del papa Giovanni Paolo II, uno portato nello spazio dall'astronauta Roberto Vittori e altri cimeli che ricordano episodi importanti.

Al Primo Piano vi è la sala audiovisiva dove è possibile assistere alla proiezione di filmati inerenti i trasporti recenti e passati, così da poter ricreare nei visitatori la stessa suggestione ed emozione che questo spettacolare evento suscita nella migliaia di persone che affluiscono la sera del 3 Settembre lungo tutto il percorso.

 

Curiosità

Per l'ammissione al ruolo di Facchino, così come recita lo Statuto del Sodalizio, è necessario sostenere la cosiddetta "Prova di Portata" . Tale prova consiste nel portare sulle spalle una cassa del peso di 150 Kg. per un tragitto di circa 90 metri, percorrendo per tre volte un percorso ellittico disegnato sul pavimento della ex Chiesa della Pace. Questo importante test deve essere sostenuto sia dagli aspiranti facchini, cioè coloro che ambiscono a divenire Facchini di Santa Rosa, sia, ogni anno, da coloro che Facchini già sono.

Per accedere alla prova di portata come aspirante Facchino bisogna aver compiuto 18 anni di età e non superato i 35 anni al momento della prova.

Per maggiori informazioni:  facchinidisantarosa.it

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria