Villa e Scuderie Aldobrandini

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

In posizione dominante su Frascati e su Roma si erge Villa Aldobrandini, splendido gioiello di fine Cinquecento. Sorge su un'altura panoramica che sovrasta l'ingresso alla cittadina, immersa in uno splendido giardino all'italiana, resa unica dal grandioso ninfeo di 2500 mq con stupende fontane e terrazze su più livelli. Ha una storia plurisecolare, divisa tra famiglie nobiliari e papato. Rufini, Pamphili, Borghese, Aldobrandini sono alcune delle più illusti famiglie che si sono succedute nel possesso della villa, oltre a cardinali e pontefici.

È proprio al Cardinale Pietro Aldobrandini, amatissimo nipote di Papa Clemente VIII, che dobbiamo le fattezze odierne:  quando nel 1598, il Papa gliene fece dono questi, non ritenendola abbastanza grandiosa, la fece ricostruire dall'architetto Giacomo Della Porta, che ne fece l'imponente dimora che vediamo oggi. Affreschi, fra gli altri, di Zuccari e dal Cavalier d'Arpino (il maestro di Caravaggio), adornano gli interni, mentre la creazione del giardino si deve a Carlo Maderno e Giovanni Fontana, in particolare il teatro d'acqua o ninfeo, già ideato e disegnato dal Della Porta. I giochi d'acqua nelle grandi nicchie nell'esedra del ninfeo destano tuttora ammirazione nei visitatori, così come i gruppi scultorei la cui complessa simbologia è legata al mito di Ercole. In un ambiente laterale del ninfeo stesso si trova la Stanza di Apollo, o delle Muse, affrescata dal Passignano e dal Domenichino (la maggior parte di questi affreschi si trova oggi alla National Gallery di Londra).

Le scuderie Aldobrandini, edificio seicentesco comunemente noto come "Frascatino" e contigue al Palazzo Civico, erano nate come struttura di servizio della villa.

Il restauro e l'adeguamento museale di questa ariosa struttura architettonica è stato progettato da Massimiliano Fuksas, architetto di prestigio internazionale, e il carattere delle Scuderie ha permesso, quasi naturalmente, la loro trasformazione in luogo espositivo: vasti e suggestivi spazi non interrotti da tramezzature, alti soffitti, grandi aperture sul panorama di Roma.

L'intervento di Fuksas ha voluto rispettare senza pesanti modifiche l'antico edificio, lasciandone a vista le strutture portanti, le capriate di legno, i materiali "poveri" delle murature; nello stesso tempo ha ideato uno spazio polifunzionale, con innovazioni adeguate alla presentazione sia della collezione archeologica permanente, sia di mostre di arte, laboratori didattici, spazi multimediali, auditorium, sale per rassegne teatrali e di danza.

Al primo piano è stato realizzato l'Auditorium, presso cui vengono realizzati concerti, rappresentazioni teatrali e diverse iniziative di carattere culturale, nel rispetto della precisa vocazione delle Scuderie Aldobrandini.
Sullo stesso livello, superata una cesura architettonica deputata a definire le peculiarità dei volumi, si raggiungono le straordinarie sale espositive, esaltate dal connubio dell'antico con il contemporaneo e dalle splendide vetrate che si affacciano su Piazza Marconi e Villa Torlonia.

Approfondimenti

Per maggiori informazioni:  

Telefono: 06.6833785- 06.68307957

Fax: 06.6877291

roma@aldobrandini.it

www.aldobrandini.it

 

Giardini

Orari: lunedì-venerdì 9-16

Ingresso gratuito

 

Scuderie

Piazza Guglielmo Marconi 6 – 00044 Frascati

Telefono e fax: 06.9417195

e-mail: info@scuderiealdobrandini.it

sito: www.scuderiealdobrandini.it

 

http://www.romaepiu.it/content/villa-aldobrandini

www.aldobrandini.it

http://www.scuderiealdobrandini.org/www.scuderiealdobrandini.org/La_struttura.html

 

Mappa

Dettaglio mappa