Domus Aurea

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

La storia dell'antica Roma è talmente colma di miti, leggende, suggestioni letterarie che si può fare fatica a mettere ordine tra ricostruzione storica e racconto mitologico. Spesso però, proprio la realtà disorienta più della leggenda e del mito tanto straordinarie sono le vicende che ci tramanda.

E' il caso della Domus Aurea, la dimora fatta costruire da Nerone dopo il grande incendio del 64 d. C. che distrusse gran parte della città di Roma. Pietre preziose sulle pareti, marmi pregiati, volte ricoperte d'oro, stucchi e affreschi per una domus situata molto vicino ai Fori, cuore pulsante della città antica, ma che prevedeva un giardino con pascoli, e boschi. Vi erano poi un lago artificiale ed una colossale statua di bronzo alta trentacinque metri che raffigurava l'imperatore nelle vesti del Dio Sole.

Le vicende della Domus Aurea ci sono tramandate da Plinio il Vecchio che assistette alla sua costruzione.

Quando Nerone morì, i suoi successori vollero cancellare le tracce di questa fastosa dimora riempendo di terra gli ambienti e privandola dei lussuosi e fastosi rivestimenti che le meritarono il nome che aveva. Sul sito ove sorgeva la Domus Aurea vennero costruite le terme di Tito e di Traiano e, a valle, l'anfiteatro Flavio noto a tutti con il nome di Colosseo. Ma l'operazione riuscì solo in parte. Tant'è vero che, in epoca rinascimentale, non furono pochi gli artisti che si calavano con le corde per visitare (e riprodurre) gli affreschi che trovavano in quelle che ritenevano fossero solo grotte ma che, in realtà, erano precisamente gli appartamenti della Domus Aurea. Artisti del calibro di Pinturicchio, Raffaello, Ghirlandaio e Giulio Romano diedero vita a quel tipo di pittura definito dagli storici delle arte delle "grottesche".

Per secoli, storici, archeologi, artisti e cultori dell'antico, tramandarono la reputazione della Domus Aurea, una delle mete preferite dai viaggiatori del Grand Tour, arrivando ad oscurare miti e leggende della storia di Roma. Il sito archeologico che si trova al Colle Oppio, che comprende la Domus Aurea, è oggetto di continue e ripetute attività di consolidamento e di restauro.

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria

Correlati

Destinazioni

Natura

Attività

Arte e cultura

Sapori

Itinerari

Eventi