Comune di Paliano

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

Il nome "Paliano" risale ad un fondo della gente Pollia, "Fundus Pallianus", divenuto in seguito "Pallianus".

Paliano sorge su un colle a circa 480 metri di altitudine, in posizione panoramica sulla suggestiva campagna ciociara. Una cinta di mura chiude la cittadina per una lunghezza di circa due chilometri, provvista di tre porte di ingresso. Il centro storico è sovrastato dalla possente mole della Rocca o Forte, antico castello ducale ora adibito a carcere di massima sicurezza.

Il primo documento che attesta l'esistenza di Paliano è del 1085, ed è l'atto di donazione che Trasmundo Conti fa al monastero di Subiaco di tutti i suoi possedimenti di Paliano e Serrone.

Il centro rimase sotto la giurisdizione dei vescovi di Anagni e godette di un lungo periodo di tranquillità fino al 1115, quando se ne impossessarono Tolomeo d'Ottavia e Pietro della Colonna. Nel 1184 la città viene incendiata dai Romani ribelli al Pontefice e subisce numerosi smembramenti territoriali, soprattutto ad opera dei signori feudatari, i quali impongono dure leggi alle popolazioni stremate ed affamate. Nel 1232 papa Gregorio IX iniziò a riunire sotto un'unica giurisdizione la cittadina e a fortificarla, per il suo valore strategico. Nel 1378 Paliano è controllata dalla famiglia Conti, che ne aveva ricevuto la signoria dal papa Urbano VI.

Con l'elezione del papa Martino V Colonna, nel 1427, su istanza della popolazione, la cittadina venne ripresa sotto la diretta dipendenza della Chiesa, con l'assegnazione ai suoi nipoti Antonio, Prospero e Odoardo Colonna. Eugenio IV, della famiglia Conti, eletto Papa nel 1445, con una Bolla pontificia toglie nuovamente Paliano dalle mani dei rivali Colonna.

Nel 1526, Clemente VII della famiglia Medici fece occupare tutte le terre dei Colonna con l'intento di far sposare suo nipote Ippolito con la figlia di Vespasiano Colonna, morto senza eredi. Tuttavia Ippolito, nel frattempo nominato cardinale, decide di dedicarsi alla carriera ecclesiastica, rinunciando alla giovane ereditiera. La famiglia Colonna continua ad avere il possesso di Paliano, con personaggi storici di grande rilievo, da Marcantonio Colonna, trionfatore della battaglia di Lepanto, e primo principe di Paliano, al fratello Filippo. Quest'ultimo iempie Paliano di splendidi monumenti. Fece riedificare la Collegiata di S. Andrea, all'interno della quale fece erigere il sepolcro di famiglia, restaurò le mura e la fortezza, edificò il suntuoso palazzo baronale.

Nell'anno 1799 le truppe francesi assediarono la città e riuscirono ad espugnarla, spogliando la fortezza di tutti i tesori artistici in essa contenuti, quadri, preziosi, damaschi, armi, che vennero portati a Parigi. Con la Restaurazione del 1815, vengono aboliti gli Statuti municipali e Paliano viene inclusa nella comarca di Roma come sede di un Governatore.

Fra i tanti monumenti, meritano particolare attenzione il Palazzo Baronale dei Colonna, del XVII secolo, sfarzosa residenza dei principi, ricca di opere d'arte, con tele della Scuola del Caravaggio. La Collegiata di S. Andrea, con il suo elegante prospetto, che si affaccia sulla piazza principale del paese, edificata nel XVII secolo assieme al Palazzo annesso. Contiene al suo interno la Cappella con l'immagine della Vergine di Zancati, alla quale sono attribuiti numerosi miracoli; sull'Altare Maggiore una grande tela del Conca raffigurante la Crocifissione di Sant'Andrea.

La Rocca, grandiosa costruzione sovrastante il centro storico, dove si svolsero gli avvenimenti più importanti per le sorti della potente famiglia Colonna. La Porta d'ingresso di origine medievale, che guarda verso Roma, con lo stemma marmoreo della famiglia Colonna. Il Santuario di Santa Maria di Pugliano, a 4 chilometri dal centro, in posizione panoramica, molto venerata dai fedeli.

Luogo suggestivo per il suo patrimonio naturalistico è l'oasi artificiale nota come "La Selva", oggi ricompresa all'interno del Monumento Naturale Selva di Paliano e Mola di Piscoli. Tra vigne, boschi, laghetti e prati, circa 200 specie di volatili, provenienti da tutte le parti del mondo, alcune rarissime ed in via di estinzione, sono ospitati in questo luogo, che rappresenta una attrattiva unica nel suo genere.

Approfondimenti

Per maggiori informazioni:Comune di Paliano 

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria

Correlati

Destinazioni

Natura

Attività

Arte e cultura

Sapori

Itinerari

Eventi