Formaggi, carni e pesci della Ciociaria

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

La tradizione gastronomica ciociara è valorizzata dai deliziosi fomaggi artigianali, dalle gustose carni (ovine, caprine e pollame) dei pascoli locali, nonché dai pesci di fiume (trote, anguille, spinarelli) che caratterizzano la cucina ittica.
 
Formaggi
I meravigliosi pascoli e la tradizionale attività della pastorizia, non poteva che dare ottimi risultati anche per quanto concerne i formaggi. Poco raffinati e ottenuti, nella maggior parte dei casi, da lavorazioni artigianali con metodi antichi, si caratterizzano per sapidità e profumi. Da provare a tutti i costi le ricottine fresche che ancora oggi si possono acquistare nei mercati, portate da "donne di campagna" e confezionate in graziosissimi cestini di vimini intrecciati e coperte da foglie di fico. Si sciolgono in bocca e sono di sublime bontà. Non possiamo esimerci, poi, dal segnalare saporosi formaggi di pecora e di capra consigliandovi di provare le "marzelline" o "marzoline" della zona meridionale della provincia. Si tratta di un formaggio a pasta morbida, speziato e dal gusto molto intenso che si può far essiccare, oppure conservare sott'olio. Una vera specialità per appassionati. Buoni anche formaggi ovini e caprini stagionati.
 
Carni
Ovine, caprine e pollame trovano esaltazione nelle mense ciociare. In particolare il capretto da latte, tipica pietanza delle festività pasquali è eccellente per le qualità delle sue tenerissime carni. Oltre che al forno, viene lavorato in casseruola con odori e vino bianco ed in seguito "cremato" con una salsa di uova e cacio locale. Merita una sosta. Anche l'agnello è di buona qualità specie nella versione "castrato" ed eseguito alla brace rappresenta una pietanza tipica e gustosa. I più fortunati potranno in questa terra, far cadere i loro preconcetti sulla carne di pecora. In taluni posti si cucina in maniera esemplare tanto da meritare una apposita visita. Una rarità assolutamente da non perdere. Il pollame ha da sempre rappresentato il vero serbatoio alimentare di carni di queste genti. Le sue varie elaborazioni "alla maniera di una volta", rendono nobile e gustosa anche questa carne. Non è raro trovare anche nei locali di ristorazione polli ruspanti dalle carni consistenti e saporite. Vi consigliamo anche di provare, nella stagione più fredda, le salsicce di fegato di maiale, particolari perché aromatizzate con buccia d'arancia e talvolta anche con pezzetti di mela.
 
Pesci
In assenza del mare sono i pesci di fiume a caratterizzare la cucina ittica ciociara. Le trote, in particolare del Rapido e del Fibreno, ancora oggi sono largamente consumate e ben elaborate. Nei locali più caratteristici è possibile consumare anche anguille e spinarelli (rarissimi) fritti nell'olio di oliva, dopo una passata nella farina di grano duro. Ma una menzione particolare la meritano i gamberi di fiume. Un tempo abbondantissimi nelle acque ciociare, oggi si deve far ricorso, eccetto casi rarissimi, a prodotti importati. Li segnaliamo perché appartengono alla tradizione ed ancora oggi il metodo di esecuzione in cucina segue dettami antichi.
 

Mappa

Città
Frosinone
CAP
03100
Provincia
FR
Indirizzo
Piazza VI Dicembre

Correlati

Destinazioni

Natura

Attività

Arte e cultura

Sapori

Itinerari

Eventi