Cittaducale: Antiche terme di Cotilia

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

A ridosso dell'antico tracciato della Salaria, eretto su quattro terrazze artificiali che digradano verso la vallata, il complesso archeologico è detto tradizionalmente Antiche terme di Cotilia e talvolta Terme di Vespasiano. Probabilmente però queste rovine appartengono a un complesso di culto dedicato alla dea Vacuna, la Vittoria dei Romani, eretto alla fine del II secolo a. C., come altri santuari terrazzati del Lazio. Nei pressi ci sono comunque i resti di una zona termale, separata dall'area di culto. Già ricordate da Strabone e Vitruvio, le acque salutari di Cotilia, sgorgano ora più a valle. L'elemento distintivo del complesso cultuale è la gran vasca (60 x 24 m) per le abluzioni, circondata su tre lati da edifici. Al centro del fronte nord è un ninfeo (fontana monumentale) absidato, dove convergono corridoi e ambienti interrati, mentre a ovest sorgono i resti dell'antica chiesa di Santa Maria di Cesoni, traccia del successivo insediamento medievale.

 

Guarda la visita virtuale

 

 

Mappa

Dettaglio mappa