Dettaglio evento

icona eventi

L'Ara com'Era

Date

Dal 14/10/2016 08:00 al 31/10/2017 00:01


L'ARA COM'ERA, il primo intervento in realtà virtuale e aumentata di valorizzazione del patrimonio di Roma su uno dei più importanti capolavori dell'arte romana, l'Ara Pacis, altare costruito tra il 13 e il 9 a.C. per celebrare la Pace instaurata da Augusto sui territori dell'impero.

Per soddisfare le crescenti richieste e con l'occasione della bella stagione dal 21 aprile al 30 ottobre cittadini e turisti avranno l'occasione di assistere all'innovativo archeoshow tutti i giorni della settimana (non solo il venerdì e il sabato).

Sarà possibile comprendere l'aspetto originario e la funzione dell'Ara , poter osservare le trasformazioni del l'area di Roma prescelta da Augusto per celebrare il proprio potere, il Campo Marzio settentrionale. Con l'ausilio di elementi virtuali si assisterà ad un racconto multimediale, una innovativa esperienza unica nel suo genere.  

Utilizzando particolari visori AR (Realtà Aumentata)e la fotocamera dei dispositivi in essi inseriti, elementi virtuali ed elementi reali si fonderanno direttamente nel campo visivo dei visitatori.

La particolare applicazione AR riconoscerà la tridimensionalità dei bassorilievi e delle sculture in tempo reale. I contenuti virtuali appariranno al visitatore sovrapposti agli oggetti reali, contribuendo all'efficacia, all'immersività dell'intera esperienza.

E così, osservando da varie angolazioni i plastici e i modellini, i visitatori li vedranno popolarsi di personaggi, ascoltando suoni e voci come in uno spaccato dell'epoca, mentre i calchi raffiguranti la famiglia imperiale prenderanno vita e si racconteranno in prima persona. 

Il percorso sarà suddiviso in 9 punti di interesse ed inizierà davanti al plastico del Campo Marzio Settentrionale, si passerà poi al plastico ricostruttivo dell'Ara Pacis dove sarà possibile assistere al rito sacro, raccontato nel dettaglio sulla base di diverse fonti letterarie e delle rappresentazioni nella scultura antica. Il plastico del monumento consentirà di mostrare le trasformazioni e i danni che l'altare ha subito nel corso dei secoli.   

I calchi raffiguranti i membri della famiglia imperiale permetteranno di esporre i meccanismi di potere e gli intrighi che hanno consentito alla dinastia giulio-claudia di reggere a lungo le sorti di Roma. 

Infine si osserveranno i dettagli dell'Ara Pacis in sei punti d'osservazione ed il passato mitico dell'Urbe prenderà vita attraverso la restituzione del colore sui marmi dei monumento, dalle origini di Roma e della famiglia di Augusto fino ai tempi moderni.

Cittadini e turisti hanno ora l'occasione di assistere all'innovativo racconto sull'Ara Pacis e sulle origini di Roma ulteriormente potenziato grazie due nuovi punti d'interesse in Realtà Virtuale che, combinando riprese cinematografiche dal vivo, ricostruzioni in 3D e computer grafica, consentono al visitatore unacompleta immersione nell'antico Campo Marzio settentrionale dove è possibile assistere alla prima ricostruzione in realtà virtuale di un sacrificio romano.

Un'implementazione che arricchisce la narrazione e crea un impatto emozionale più profondo con il pubblico. I visitatori vengono catapultati indietro nel passato per riviverlo da una posizione privilegiata. Immersi in un ambiente a 360° possono ammirare l'Ara Pacis mentre ritrova i suoi colori originali: una "magia" resa possibile da uno studio sperimentale realizzato dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali nel corso di oltre un decennio che ha portato a una ricostruzione ipotetica ma con la massima approssimazione consentita.
 
Il colore non è la sola sorpresa ad accogliere i visitatori che possono ‘galleggiare' in volo sull'altare, planare sul Campo Marzio e assistere al sacrificio, compiuto da veri attori, rimanendo sempre al centro della scena.
 
L'offerta si amplia anche da un punto di vista numerico. Ogni serata, infatti, può accogliere fino a 400 visitatori, rispetto ai 300 della precedente programmazione,
L'Ara com'era prenderà il via il 14 ottobre e sarà così articolato: dal 14 ottobre al 17 dicembre, venerdì e  sabato dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso ore 23); dal 23 dicembre all'8 gennaio, tutte le sere dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso ore 23); dal 13 gennaio al 15 aprile, venerdì  e  sabato dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso ore 23); dal 21 aprile al 31 ottobre, tutte le sere dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso ore 23). L'ingresso sarà organizzato in piccoli gruppi, la visita avrà la durata di circa 45 minuti e sarà disponibile in 5 lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo e tedesco.  

Il progetto, promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita Culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e organizzato  da Zètema Progetto Cultura, è stato affidato ad ETT SpA.  

Per maggiori informazioni: Web

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria