Dettaglio evento

icona eventi

World Press Photo 2017 a Palazzo delle Esposizioni

Date

Dal 28/04/2017 04:47 al 29/05/2017 00:01


Per la prima volta nella prestigiosa cornice di Palazzo delle Esposizioni e in contemporanea mondiale con Siviglia e Lisbona, torna anche quest'anno la mostra di uno dei più importanti riconoscimenti nell'ambito del fotogiornalismo dal 28 aprile al 28 maggio 2017. Come da regola, da più di 60 anni, una giuria indipendente, formata da esperti fotografi internazionali, assegna il premio tra migliaia di domande di partecipazione inviate alla Fondazione World Press Photo di Amsterdam da fotogiornalisti provenienti da tutto il mondo.

La giuria, che ha suddiviso i lavori in otto categorie, ha premiato 45 fotografi provenienti da 25 paesi: Australia, Brasile, Canada, Cile, Cina, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, India, Iran, Italia, Pakistan, Filippine, Romania, Russia, Sud Africa, Spagna, Svezia, Siria, Nuova Zelanda, Turchia, Gran Bretagna, Stati Uniti.

La foto che si è aggiudicata il premio quest'anno, "An Assassination in Turkey", è stata scattata ad Ankara dal fotografo Burhan Ozbilici, il 19 dicembre del 2016, e ritrae l'assassinio dell'ambasciatore russo in Turchia, Andrei Karlov, da parte del poliziotto turco ventiduenne Mevlut Mert Altintas durante l'inaugurazione di una mostra d'arte.

La scelta di un'immagine così cruda è stata motivata dalla giuria con il fatto che "la foto dell'anno doveva essere un'immagine esplosiva che parla dell'odio dei nostri tempi", in corrispondenza di ciò che da sempre esprime il World Press Photo, dove le foto rappresentano il voler rendere noto al mondo eventi storici anche drammatici. L'urlo di soddisfazione dell'uccisore, accanto al corpo inerte dell'ambasciatore russo, dovrebbe suscitare un senso profondo di sdegno in noi che guardiamo quest'immagine così priva di schermi, tesa a fermare un tempo devastato dalla crudeltà inutile.

Fanno quasi da contraltare alle immagini di guerra altre immagini, non per questo meno toccanti, tra cui l'umanità povera ma solidale descritta dal fotografo Peter Bauza, dove fotografie vivide, fatte di colori accesi, mostrano come si possa ridere e amare anche in luoghi deprivati come le favelas brasiliane, o l'immagine di Jaime Rojo delle farfalle monarca, note per il loro colore arancio fiamma, mentre iniziano il cammino migratorio dal Messico verso gli Stati Uniti e il Canada, o l'espressione felice, ritratta da Michael Hanke, di un bambino mentre batte a scacchi un avversario nella Repubblica Ceca.

L'umanità è anche questo. Vivere e sopravvivere con le risorse che ci sono date.

La World Press Photo Foundation, nata nel 1955, è un'istituzione internazionale indipendente per il fotogiornalismo senza fini di lucro. Il World Press Photo gode del sostegno della Lotteria olandese dei Codici postali ed è sponsorizzato in tutto il mondo da Canon e Lottery.

A Roma il World Press Photo 2017, promossa da Roma Capitale-Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, è organizzata in collaborazione con 10b photography, Azienda Speciale Palaexpo e la World Press Photo Foundation di Amsterdam.

Per maggiori informazioni: www.palazzoesposizioni.it

 

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria