Il Santuario Maria SS.ma del Suffragio fu costruito nel 1625 su una preesistente chiesa dedicata al culto di San Giovanni Battista risalente all’VIII-X secolo e più precisamente al periodo in cui gli abitanti della Città di Tiro, l’attuale collina denominata Civita, distrutta dall’invasione dei Longobardi, diedero origine al Castrum Cryptarum. In origine era sottoposta alla giurisdizione del vescovo di Orvieto, e nel 1378 passò alla Diocesi di Montefiascone. Nel 1462 fu visitata da Pio II che la omaggiò con un prezioso reliquiario, una Croce e un calice oltre a concedere l’indulgenza di sette anni e sette quarantene a tutti coloro che in occasione della festa di San Giovanni Battista, avessero visitato il tempio e versato un’offerta per la sua manutenzione.

Purtroppo non si hanno informazioni sulla struttura originaria della Chiesa e sulle sue trasformazioni nel tempo. Sono rimaste solo alcune parti inglobate dal nuovo edificio di culto, ed i sotterranei dove oggi è stato allestito un museo che ospita una ricca raccolta di oggetti sacri, tra cui i doni di Pio II.

Per costruire la chiesa furono impiegati ben 47 anni e il progetto iniziale fu di Girolamo Rinaldi. Solo nel 1672 fu realizzata la cupola ovoidale ad opera di Andrea Selvi, che è stata decorata da Luigi Fontana tra il 1886 e il 1888.

La diffusione del culto della Madonna del Suffragio e la conseguente costruzione del Santuario è da attribuire al frate cappuccino Padre Angelo da Ronciglione che nel corso del seicento depose sull’altare della chiesa di Grotte di Castro l’immagine della Vergine e che oggi è custodita sull’altare maggiore, intorno al quale è possibile ammirare il coro ligneo, mentre sulla portale di ingresso è posizionato l’organo. L’interno della chiesa, a croce latina e con quattro cappelle laterali, ospita, oltre all’immagine lignea della Vergine, preziosi intarsi lignei di epoca barocca. All’icona furono attribuiti nel corso degli anni numerosi eventi miracolosi che portarono alla diffusione del culto hanno richiamato pellegrini non solo dal Lazio, ma anche dalle regioni limitrofe. La Madonna del Suffragio viene festeggiata ogni anno l’8 settembre e solennemente ogni dieci anni. In quell’occasione avviene la “discesa” della statua che poi viene portata in processione per le strade della cittadina addobbate con composizioni floreali.

Comments

comments