Serrone Museo dei costumi teatrali

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

Il museo è stato aperto nel 2004 grazie alla donazione dei costumi di scena realizzati dalla sartoria BI. MI. S.a.s. di Roma, di proprietà di Beatrice Minori, che ha sempre dimostrato un forte legame per la storia e le radici di questo piccolo comune in cui è cresciuta.
La sartoria è ancora in piena attività, grazie alle nipoti che hanno ereditato la passione della nonna, sarta personale di Eduardo de Filippo, oltre che collaboratrice di importanti registi italiani.

Si tratta di 43 costumi tutti originali e indossati da illustri personaggi dello spettacolo come Eduardo De Filippo, Vittorio Gassman, Beppe Barra, che rappresentano una piccola storia del costume teatrale italiano degli ultimi trent'anni e una sintesi della storia del teatro in generale da Machiavelli a Pirandello, passando per Goldoni e Shakespeare.
Dalla sartoria della Minori sono usciti i costumi dei più importanti spettacoli del teatro italiano degli ultimi cinquant'anni: da quelli della prima edizione spoletina dell'Orlando Furioso di Luca Ronconi, a quelli di Eduardo per la RAI, dalla Gatta Cenerentola di Roberto De Simone al  musical Notre Dame de Paris.
I costumi sono divisi in due sale espositive seguendo un criterio cronologico: nella prima sala, Rinascimento, Barocco e Settecento, nella seconda Ottocento e Novecento.
Disposti su appositi manichini, i costumi sono corredati da didascalie esplicative che indicano il titolo della commedia, l'autore, il costumista, l'attore o attrice che li ha indossati, il personaggio rappresentato, la regia e l'anno di rappresentazione e realizzazione.

Info: Tel. 0775/523064

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria