Borgo Velino

//Borgo Velino

A 460 m sul livello del mare, Borgo Velino (circa 1000 ab) è un graziosissimo paesetto medioevale situato nel piccolo tratto di pianura tra Castel S. Angelo e l’eterno rivale Antrodoco. Alla sinistra del fiume Velino, in territorio che, sebbene in gran parte montuoso, è assai fertile e produce raccolti abbondanti di granaglie, di castagne e di vino. Molti sono i pascoli nei luoghi più montuosi.

Impostato su due strade parallele con asse trasversale centrale (che prende il nome di via degli otto cantoni), è caratterizzato da un forte addensamento di abitazioni, cinta murarie ad angoli arrotondati (esempio francese: Rabastens, 1306) e una grande porta turrita sull’asse centrale in direzione di Rieti, il capoluogo di Provincia. Tale impostazione urbanistica si può ricondurre a quello che era lo stile urbanistico angioino.

Nella piazza centrale, su cui si affacciano edifici del XV e XVI secolo, sorgono la torre di recente costruzione, la porta di accesso all’abitato e la casa del Brigante Pezzola. La chiesa parrocchiale di San Matteo, situata nel cuore del paese e consacrata dal vescovo di Rieti nel 1787, mostra una pianta centrale animata da cappella radiale con pregevoli stucchi. Di notevole interesse è la chiesa dei SS. Dionigi, Rustico ed Eleuterio detta anche di S. Antonio. La costruzione che sorge poco fuori dall’abitato, sulla riva sinistra del fiume Velino, è databile al sec. XII ma conserva elementi ornamentali del VII e VIII secolo: si tratta di frammenti scultorei murati in facciata tra i quali una lastra con dedica alle ninfe di Diana. Probabilmente questa chiesa sorge sui resti di un antico tempio dedicato alla dea della caccia. Il maggior storico dell’arte reatina, Cesare Verani, attribuisce l’opera a Dionisio Cappelli di Amatrice e la fa risalire agli anni 1511-22, confutando le ipotesi della Mortari che vuole gli affreschi di pittori viterbesi. Gli affreschi della chiesa di S. Antonio sono presso il museo civico di Borgo Velino perché. La più antica notizia che riguarda i suoi arcipreti è del 1380, quando D. Giovanni di Cecco Stornuglie compare in un rogito notarile come teste.

Molti sono gli eventi legati alla tradizione che nel corso dell’anno, in particolar modo nel periodo estivo, animano il centro di Borgo Velino. Uno dei più suggestivi è quello legato al Brigante Pezzola, un evento che ricorda e rievoca le gesta del brigante Giulio Pezzola, nato a Borghetto, attuale Borgo Velino, allora appartenente al Regno di Napoli. Tre giorni di storie di briganti e di carte, di cantine e di mestieri, di arti e di storie.

Caricamento delle mappe in corso - restare in attesa...

Borgo Velino 42.403400, 13.056300 vai alla schedaBorgo Velino Lazio, Italia (Indicazioni stradali)

Per maggiori informazioni: http://www.comune.borgovelino.ri.it/

Per visitare Rieti ed il reatino cerca la soluzione migliore su http://servizi.cotralspa.it/PercorsiTariffe

2017-04-18T14:35:07+00:00