Repubblica marinara e meta di villeggiatura nota già all’epoca degli antichi romani, Gaeta è situata sullo sperone del Monte Orlando, ed è un centro balneare dal clima temperato, ricco di testimonianze storiche, monumentali e religiose.

La sua linea costiera è un susseguirsi di bellissime spiagge delimitate da speroni rocciosi, su cui svettano torri costiere, baie e calette.

Una delle parti più suggestive é quella del Quartiere Medioevale dominata dal maestoso Castello Angioino-Aragonese. Numerosi e importanti gli edifici religiosi, tra cui la Cattedrale di Sant’Erasmo con il campanile cosmatesco della seconda metà del XII secolo, la chiesa di S.Francesco e la chiesa della Santissima Annunziata con la Cappella d’oro, interamente decorata in legno e oro zecchino.

San Francesco a Gaeta

Un luogo sicuramente da non perdere vicino al quartiere di Sant’Erasmo, è il Santuario della Santissima Trinità sul Monte Orlando, area protetta nel Parco Regionale della Riviera di Ulisse. Nell’area del Santuario, assolutamente da vedere la Grotta del Turco e la fenditura nella roccia, detta Montagna Spaccata.

Una tipica espressione del folklore tradizionale gaetano è Gliu Sciuscio nella notte del 31 dicembre: numerose orchestre di giovani gaetani suonano per le strade e le case di Gaeta intonando canti tipici ben auguranti.

La tipica tiella di Gaeta

La tavola di questa cittadina della riviera pontina è ricca e saporita, esaltata naturalmente dai piatti a base di pescato locale . Le olive sono considerate un patrimonio della gastronomia di Gaeta, la tiella è un famoso piatto tipico marinaro, il cui nome deriva probabilmente dalla teglia in cui veniva preparata, una pizza rustica di forma circolare il cui ripieno può contenere pesce (alici, sarde, polpo e calamari) e verdure, ricotta, pomodoro e cipolla.

Bandiera Blu anche per il 2021, e tra i Borghi più Belli d’Italia per il quartiere Medioevale, Gaeta ha il suo fascino anche nel periodo invernale, soprattutto nel mese di dicembre e fino alla fine delle festività natalizie, quando si trasforma in una città incantata con le luminarie di Favole di Luce.

Le luminarie: luci d’artista a Gaeta

 

INFO UTILI
distanza da Roma 143 km
da non perdere Santuario della SS.ma Trinità e Montagna Spaccata
sito web Comune di Gaeta

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale...

Pico

Il borgo di Pico è in provincia di Frosinone sul versante...

Varco Sabino

Varco Sabino, a circa 95 km da Roma, sorge su un colle a circa 750...