Se avete voglia di immergervi nelle bellezze naturali, il Lazio è certamente il posto giusto! Un viaggio tra i monumenti fatti dalle sapienti mani di madre natura che, si sa quando ci mette lo zampino crea dei veri e propri capolavori, grazie a vento, acqua, ghiaccio, carsismo oppure un clima particolare. Partiamo alla scoperta dei Monumenti naturali laziali che ci lasceranno letteralmente meravigliati…

Iniziamo dalla Ciociaria dove, a sud di Frosinone e a pochi chilometri dall’Abbazia di Montecassino, ci aspetta il “Laghetto – Parco dei Mulini”, dichiarato Monumento naturale, alimentato da una sorgente, molto suggestivo per le sue acque limpide, di un azzurro intenso, e per la statua della Madonna, immersa dal 1982.

San Giorgio a Liri

San Giorgio a Liri

Ci troviamo a San Giorgio a Liri, il paese circondato dalle mura poligonali di Santa Lucia e Maceralonga, con il suo Castello del Principe Rogero Morra, che un tempo era un’abbazia, la Chiesa di San Rocco dedicata a San Giorgio, il santo patrono.
Qui, inoltre, viene prodotta la mentuccia essiccata, ottima per insaporire delle frittate e preparare un liquore.
https://www.parchilazio.it/laghetto_parco_dei_mulini-natura

Caldara di Manziana

Caldara di Manziana

Sempre in tema di acqua tra boschetti di ontano nero, felce florida (Osmunda regalis) e betulla bianca (Betula pendula) troviamo esplosioni di acque sulfuree bollenti che fuoriescono dalla zona più centrale della Caldara di Manziana, monumento naturale incluso nel Parco Naturale Regionale di Bracciano e Martignano.
Il territorio di Manziana, la Silva Mantiana, era consacrato dagli Etruschi al Dio dell’oltretomba Manth (in latino Mantus), da cui prende il nome.
E’ qui, tra il Mare Tirreno e la pianura del Tevere, all’estremità del complesso vulcanico Sabatino, che i gayser si formano quando le acque piovane penetrano nel sottosuolo e raggiungono il magma.
https://www.parcobracciano.it/vivere-il-parco/percorsi-e-sentieri/sentiero-la-caldara/

Forre di Corchiano

Forre di Corchiano – Foto @mauriziovecchi

Spostandoci nel viterbese troviamo addirittura una forra di origine vulcanica. Il borgo di Corchiano luogo dal fascino inaspettato, una corolla di vicoletti e piazzette, che si affacciano sulla Forra del Rio Fratta, un affluente del Tevere, che nel corso degli anni ha assunto una rilevante importanza ambientale poiché rappresenta un fenomeno unico in Europa e oggi anche monumento naturale. Le forre di Corchiano, suggestivo canyon originato da imponenti eventi vulcanici, sono infatti una zona ricca di bellezze naturalistiche e di importanti testimonianze del passato: cavernette preistoriche, tombe, vie cave falische, resti romani, un tratto della via Amerina, tutto concorre a rendere questa area una tra le più suggestive della Tuscia.
https://www.parchilazio.it/corchiano

Bosco del Sasseto - Mausoleo Cahen

Bosco del Sasseto – Mausoleo Cahen

Ci dirigiamo verso nord in direzione di Acquapendente, splendida cittadina dalle molteplici risorse, dove spicca per importanza naturalistica il Bosco monumentale del Sasseto, la cui bellezza composta da roveri, cerri, faggi e agrifogli, si manifesta oltremodo nei massi avvolti da verdi muschi e nelle felci arruffate che contornano i sentieri, mentre dai rami attorcigliati si scorgono le merlature del castello Monaldeschi. Ma è nel cuore della foresta che si annida la vera “chicca” rappresentata dal piccolo mausoleo in stile neogotico del marchese Cahen che, a fine ‘800, amò a tal punto questo luogo selvaggio da renderlo accessibile ed eleggerlo sua ultima dimora.
https://www.parchilazio.it/sasseto

Dal mausoleo di Cahen arriviamo nel reatino dove incastonato tra le pieghe della roccia granitica della montagna, che lo avvolge tutt’intorno, troviamo l’Eremo di San Cataldo, con i suoi tre archi e i due piccoli campanili, si mimetizza nel paesaggio circostante.
La leggenda racconta che fori, piccole conche e fessure nelle rocce che vanno dall’eremo al sottostante torrente, siano state prodotte dai gomiti ginocchia e piedi di San Cataldo che ogni mattina scendeva al torrente mentre la roccia si faceva molle per favorire l’andirivieni del santo.

Eremo di S.Cataldo - Cottanello

Eremo di S.Cataldo – Cottanello

L’Eremo di San Cataldo conserva quello che è ritenuto l’affresco più antico di tutta la Sabina, risalente all’XI o XII secolo, come dimostra lo stile bizantino del Cristo seduto su un trono gemmato e dei dodici apostoli che vi sono raffigurati. Il Cristo ha sulla gamba destra un Tau, con grande probabilità opera di San Francesco che volle lasciare una traccia del suo passaggio in questo eremo tra il 1217 e il 1223.

Dall’eremo si gode di una spettacolare veduta del borgo di Cottanello che mantiene ancora l’aspetto di castrum speciale con la doppia cinta muraria concentrica ed uno spazio interstiziale per la ronda, le torri di vedetta e le due porte.
https://comune.cottanello.ri.it/homeufficioturisticocottanello@gmail.com

Dal sacro al profano il passo ci porta in provincia di Latina a Terracina dove sul Monte S. Angelo Giove “fanciullo”, o Juppiter Anxurus, non immaginava certo di arrivare al terzo millennio per conquistarsi una fama diversa da quella della mitologia, quella legata all’istituzione nel 2000 di Monumento Naturale del Tempio a lui dedicato. L’edificio fu costruito in età sillana attorno all’80 a.C. al termine della guerra civile vinta da Silla contro Mario nell’82 a.C e la scelta del sito fu dettata dal fatto che questa altura rappresentava un vero e proprio baluardo naturale alle vie di comunicazione.

Tempio di Giove Anxur - Terracina

Tempio di Giove Anxur – Terracina

Il Tempio è la struttura più imponente della ricca area archeologica dove sono ancora ben visibili le mura tardo-repubblicane interrotte da nove torri circolari, i resti di un santuario e degli insediamenti militari, di un tempio più piccolo dedicato alla Dea Feronia e del monastero di S. Michele Arcangelo. Quello che vediamo oggi sul terrazzamento inferiore del monte è in realtà solo la sostruzione del tempio costituita da dodici arcate a cui sono collegati gli ambienti coperti da volte a botte collegati tra loro.

Nell’area del Monumento Naturale sono inclusi anche 23 ettari del Monte S. Angelo gran parte dei quali riconosciuti come Sito d’Interesse Comunitario dove tra la vegetazione tipica mediterranea spiccano diverse specie di orchidee spontanee e il fiordaliso delle scogliere e volano uccelli migratori come il falco pellegrino e il corvo imperiale.
https://comune.terracina.lt.it/beni.culturali@comune.terracina.lt.it

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

“Ho visto un posto che mi piace, si chiama Monte Gorzano”

Con le parole di una famosa canzone vogliamo raccontarvi la nostra escursione sulla montagna più alta del Lazio, il Monte Gorzano 2458 mt s.l.m.. Partiti di buon mattino, ci dirigiamo verso Amatrice, ridente località bagnata dal fiume Tronto e circondata da oltre...

A Ronciglione, la Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo

Torna a Ronciglione la tradizionale Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo, sabato 20 e domenica 21 agosto. La Corsa dei Cavalli a Vuoto, o Corsa dei Barberi, è una rievocazione storica unica nel suo genere, un gioco forse d’origine greco-romana e sicuramente molto...

Immersi nella natura, alla scoperta dei monti Prenestini

C’è un territorio capace di sorprendere con itinerari suggestivi e talvolta selvaggi, immersi in luoghi tutti da scoprire: i monti Prenestini. Lontano dal caldo e dai rumori della vita cittadina Guadagnolo, il centro abitato più alto del Lazio, sorge in cima...

Gaeta, un luogo indimenticabile

Gaeta con il suo golfo, simbolo della Riviera di Ulisse, è un luogo indimenticabile per vivere un’emozione unica, irrepetibile e fuggire dall’afa cittadina. Partiti di buon mattino ci dirigiamo con l’auto nella città delle cento chiese, le cui origini si perdono nella...

Rocca di Cave, tra scogliera corallina, dinosauri e cosmo

Nel grazioso borgo arroccato di Rocca di Cave è possibile vivere un emozionante escursione, un tuffo nel passato che permetterà di scoprire la millenaria storia del territorio. Nel 2016 proprio in questi luoghi, sui Monti Prenestini, è stato ritrovato il dinosauro,...

Le meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel Sant’Elia

Conoscete l’Alta Tuscia? Oggi vi portiamo da Nepi a Castel Sant’Elia alla scoperta di alcune meraviglie che non ti aspetti, nascoste in pochi chilometri. Siamo a Nepi, uno dei punti di accesso all’antica Etruria affacciato da uno sperone di tufo, una peculiarità...

Il Lago del Salto tra fiordi, borghi e mistero

Il Lago del Salto è il più grande bacino artificiale del Lazio, prende il nome dalla valle del Salto dove è stato creato con lo sbarramento dell’omonimo fiume. Il suo aspetto estremamente selvaggio, a tratti anche ruvido, lo rende unico e affascinante. I suoi fiordi,...

Un weekend in bicicletta a Rieti

Rieti, nella piana reatina con le sue colline verdi, la natura incontaminata e le sue maestose montagne che la circondano, è il luogo ideale per trascorrere un weekend all’insegna di rilassanti passeggiate in bicicletta, come cantava Cocciante, magari con tutta la...

Un viaggio lungo le rive dei fiumi del Lazio

Cosa c’è di meglio di chiare e fresche acque per lenire il caldo delle torride giornate estive, se non vivere un’esperienza lungo le rive di alcuni dei più importanti fiumi del Lazio? A soli 50 km da Roma le Gole del Farfa, vero paradiso per gli amanti del canyoning,...

Ventotene… l’isola che non ti aspetti

Vogliamo raccontarvi il nostro fine settimana nell’Isola di Ventotene tra mare, storia, cultura e tanto buon cibo. Imbarcati sul traghetto e giunti alla vista dell’inconfondibile isola dalle tante case colorate, non possiamo non rimanere affascinati alla visione...