Respirare l’atmosfera delle favole a Sant’Angelo di Roccalvecce

Ad un centinaio di chilometri dalla Capitale, a circa un’ora e mezza di macchina, è possibile raggiungere un posto che fino a qualche anno fa sembrava un borgo quasi abbandonato ma a cui l’arte ha saputo restituire una nuova vita, un’identità inconfondibile amata da grandi e piccini: siete pronti a scoprire con noi Sant’Angelo di Roccalvecce?

Questa piccola frazione di Viterbo, grazie all’intervento di alcuni artisti e sotto la guida dell’Associazione Culturale Arte e Spettacolo (ACAS), è stata ribattezzata Il paese delle fiabe. Sui muri dei suoi edifici sono stati realizzati una serie di murales ispirati al mondo delle favole, alle narrazioni fantastiche che tutti conosciamo, quelle che ci hanno appassionato sin da piccoli e che conservano ancora oggi un posto speciale nella nostra memoria. Fiabe che racchiudono sempre una morale, un insegnamento, che si sono legate indissolubilmente a questo luogo e alle sue tradizioni restituendone una nuova versione, e che in poco tempo ha reso Sant’Angelo di Roccalvecce nota per il suo fascino indiscutibile.

Questo piccolo borgo nel cuore della Tuscia è diventato infatti una meta prediletta da famiglie con bambini, ma anche da appassionati di arte urbana, di fotografi di street art o più semplicemente di curiosi. Preparatevi a scoprire questa galleria a cielo aperto dove ogni muro, edificio e vialetto è diventato la tela perfetta per nuove forme di espressione creativa. Una vera e propria esplosione di arte urbana contemporanea nel cuore di un delizioso e autentico borgo della Tuscia per valorizzare il territorio e il suo patrimonio artistico e aturale.

Da Alice nel Paese delle Meraviglie a Il Piccolo Principe, da La piccola fiammiferaia a Le Fate di Avalon, sono tante le opere che conquistano per i tratti decisi e i colori saturi in grado di catapultare il visitatore in una realtà sognante e fantasiosa. Stefania Marchetto, Tina Loiodice, Alessandra Carloni, Daniela Lai, Lidia Scalzo, Isabella Modanese, Stefania Capati, Cecilia Tacconi, Lena Ortmann, Ginevra Giovannon sono alcune delle artiste coinvolte nel progetto. Artiste che credono nella funzione sociale della street art, che non ha il solo scopo di far di rivivere luoghi un tempo abbandonati ma anche di coinvolgere i fruitori di tali interventi suscitando in loro una reazione. Artiste che con il loro stile hanno reso unico questo borgo, contribuendo alla sua rinascita, con l’obiettivo di valorizzare la splendida Tuscia ed il suo patrimonio storico e culturale.

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

I 2 finalisti nel Lazio per la Capitale della Cultura 2025

Sono Roccasecca, in provincia di Frosinone, e Bagnoregio, in provincia di Viterbo, i due luoghi nel Lazio nella rosa dei finalisti per l’elezione della Capitale Italiana della Cultura 2025. Il 20 e 21 marzo 2023, la Giuria valuterà i dieci progetti illustrati dai due...

La Giornata della Memoria nel Lazio

Esistono dei luoghi-testimonianza nel Lazio che raccontano il senso della Giornata della Memoria. Ne abbiamo scelti alcuni per celebrare il 27 gennaio, per non dimenticare. Situato a metà strada tra il borgo di Castelnuovo di Farfa e l’Abbazia benedettina, nella...

Roma, Caput Mundi in cucina

Il Travellers' Choice Best of the Best premia nel 2023 Roma, prima destinazione gastronomica e al quarto posto tra i luoghi turistici più famosi. Sono i viaggiatori da tutto il mondo a dirlo, con l’infallibile sistema dei giudizi e recensioni sulla piattaforma...

Terminillo, una montagna per tutti

Con l’arrivo della stagione invernale, si sa, la montagna si riempie di un fascino davvero unico. Cime innevate, ci fanno venire una gran voglia di salire in quota: aria pura, neve, panorami mozzafiato, per poi rifocillarsi. insieme agli amici, seduti davanti ad una...

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in un'atmosfera mistica, immerso una natura selvaggia, troviamo Farfa, due sillabe, un piccolo borgo, un grande nome che le viene dal fiume che scorre vicino, il Farfarus di Ovidio, il Fabaris di...

La Tuscia del Sentiero dei Briganti

Se l’Italia è “terra di santi, poeti, navigatori”, il Lazio è la patria dei briganti, uomini temuti ma anche acclamati dalla popolazione quanto disprezzati da nobili e “sbirri”. Personalità controverse, a volte indecifrabili, che sfuggendo alla legge ed eludendo le...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, circondato da faggi, castagneti e boschi di querce, Picinisco da oggi offre un motivo in più per essere visitato. Il piccolo borgo della Valle di Comino ha avuto il...

Autunno. È tempo di foliage

Ad ottobre per gli amanti della natura e della fotografia inizia uno dei periodi più magici. Le foglie degli alberi cambiano colore, i boschi assumono una nuova veste con intonazioni cromatiche che vanno dall'arancione dorato al rosso intenso, l’aria è più fresca e i...

Immersi nei laghi del Lazio

Negli ultimi anni il sorgere di un turismo slow ed esperienziale ha prodotto un cambiamento nel concetto stesso di viaggio, rivolto ora verso destinazioni ricche di cultura, buon cibo e soprattutto tanto, tanto relax. Ecco allora prediligere i laghi del Lazio dove...

Le calde sfumature della Sabina

In autunno, quando la natura si tinge delle mille sfumature calde che vanno dal rosso, al giallo, al marrone, tanti prodotti tipici stagionali appaiono sulle tavole dei borghi reatini e spesso vengono celebrati in famose sagre. Il borgo dove si incontrano il Cammino...