Ripartire si deve, ripartire si può. Ma occorre farlo in maniera sicura e sostenibile.

Quanto accaduto in questi mesi lancia un monito forte circa la fragilità delle nostre esistenze e l’organizzazione
che ci siamo dati per gestirle in maniera comunitaria. La prima risposta al virus è stata la quarantena, l’isolamento
sanitario e, di conseguenza, sociale. La seconda risposta, quella che saremo da qui a breve chiamati ad elaborare, dovrà essere imperniata sul ritorno alla socialità.

Una socialità che, però, non potrà non fare i conti con quanto avvenuto e ciò non solo per ovvie ragioni di carattere igienico-sanitario ma anche per una serie di considerazioni che devono porre l’accento su questioniche riguardano direttamente la politica e l’organizzazione della vita di una comunità.

Da più parti si solleva forte l’esigenza di ripensare, riprogettare, le nostre vite in funzione di una loro maggiore compatibilità con le risorse a disposizione.

E’ indubbio che i prossimi anni faranno registrare una forte accelerazione in tal senso e appare chiaro che chi oggi, quando ancora l’emergenza non è del tutto alle spalle, è maggiormente pronto ad iniziare il percorso di cambiamento sarà in seguito il primo a raccogliere i frutti di questo lavoro.

Oggi, dunque, ciò che è più importante è riuscire a far camminare di pari passo esigenza di cambiamento e progettazione sociale con la capacità di garantire sicurezza alle persone.

In questo le comunità locali come Veroli, che si differenziano dagli spazi urbani e metropolitani, possono svolgere un ruolo fondamentale per la sperimentazione di nuove soluzioni.

VEROLI SICURAMENTE vuole andare proprio in questa direzione: dimostrare che, programmando e progettando in maniera seria e compiuta ma anche sapendo osare, si può ripartire e non rinunciare alla socializzazione.

Le direttrici lungo le quali il percorso di questa amministrazione si è mosso sono, almeno in questa prima fase, sostanzialmente due:

1. Garantire la sicurezza e prevenire i contagi da Sars-Cov-2 dei residenti del Comune di Veroli;
2.Accogliere i turisti e i visitatori garantendo la massima fruibilità delle attrazioni del Centro Storico in maniera compatibile con le norme vigenti.

VEROLI SICURAMENTE è una sfida perché prova a restituire certezze ad un tempo che sembra averne smarrite.

Il Sindaco di Veroli
Simone Cretaro

Consigliera Delegata alla Cultura
Francesca Cerquozzi

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale...

Pico

Il borgo di Pico è in provincia di Frosinone sul versante...

Varco Sabino

Varco Sabino, a circa 95 km da Roma, sorge su un colle a circa 750...