Amatrice

Terra da gustare, osservare, camminare. Terra di ospitalità genuina, semplice, ricca della tradizione di un territorio che ha imparato a resistere. Terra di montagne incontaminate. E spettacolari sempre: con la neve, gli alberi in fiore, i prati verdissimi, i colori dorati dell’autunno.

La conca amatriciana è una culla di boschi con alberi secolari, di ruscelli e cascate di acque limpide che in inverno diventano sculture magiche e scintillanti, di animali liberi al pascolo; è un territorio da assaporare a passo lento, un paradiso per il trekking e le attività di una vacanza attiva. Tanti i percorsi e varii i livelli di difficoltà: da quelli adatti a tutti, perfetti per bambini e adulti insieme, a quelli da affrontare solo se si è provetti montanari, e con l’equipaggiamento ‘ad hoc’.

Si possono scegliere le tappe locali del Sentiero Italia, che unisce tutta la spina dorsale della nostra penisola, o quelle del Cammino dei Parchi, che da L’Aquila a Roma assicura passaggi solo attraverso Aree naturali protette.

Pasta all’amatriciana

Amatrice è nel cuore del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga ma è anche al top delle tradizioni gastronomiche legate alle materie prime che questa terra offre. E’ impossibile infatti parlare della cucina di Amatrice senza nominare il suo piatto più celebre: la pasta all’amatriciana, spaghetti o mezze maniche, secondo le preferenze. La salsa dell’amatriciana anticamente veniva preparata solo con guanciale e pecorino, mentre l’aggiunta del pomodoro risale al 1700. Comunque cucinata è così buona da aver raggiunto la notorietà in tutto il mondo.

Numerosi sono i ristoranti nell’ Area del gusto e della tradizione dove poter assaporare l’autentica amatriciana. E in occasione del Festival delle valli reatine, nel primo fine settimana di questo agosto, è possibile anche assistere allo show cooking della “vera anima amatriciana”, un piccolo corso di cucina per diventare provetti divulgatori di questo piatto succulento, gustosissimo e completo. Dove? In una delle tantissime frazioni di Amatrice, a Capricchia.

Lago di Scandarello

E poi è d’obbligo una passeggiata, o una sgambata, per ritornare in forma, al Lago di Scandarello, luogo perfetto per trekking e tranquille pedalate. Incastonato nei Monti della Laga, la serenità qui è assicurata. E nelle giornate calde è bellissimo fermarsi dopo l’imbrunire, per ammirare il cielo di notte, e con un po’ di fortuna anche le stelle cadenti, sotto una volta del tutto priva di inquinamento luminoso.

Vasto e articolato, il patrimonio storico e artistico dell’area amatriciana, crocevia di culture a artisti soprattutto nel Medioevo e nel Rinascimento, è oggi in parte raccontato nel Padiglione multimediale del futuro Museo Diocesano.

Share this:

Città e Borghi