Campo Staffi

Meta preferita dagli sportivi e amanti della montagna, la stazione di Campo Staffi è frequentatissima durante tutta la stagione invernale.
Gli impianti di risalita di Campo Staffi sono composti da due seggiovie e otto sciovie che consentono un’ottima portata di persone, circa 8000 all’ora.
Tutti gli sciatori, dal dilettante all’esperto, trovano la possibilità di praticare lo sci a diversi livelli, su piste che si snodano in un dislivello che va dai 1500 metri sul livello del mare della base del comprensorio, sino ai 2000 della vetta.
L’offerta sciistica è, dunque,  una delle più composite dell’Appennino centrale, le piste da sci si snodano lungo un carosello di piste di circa venti chilometri che conta 17 percorsi, suddivisi in: una pista per principianti (un vero e proprio campo scuola), otto piste blu facili o di medio facile approccio, quattro piste rosse che presentano dei tratti relativamente impegnativi (la pista Panoramica vanta la ragguardevole lunghezza di 3,5 chilometri di ininterrotta discesa), e quattro piste nere per esperti (la Vallone si snoda lungo due chilometri altamente impegnativi e di grande suggestione).
Ma Campo Staffi non è solo sci alpino; anche lo sci di fondo trova la sua precisa collocazione.
Gli anelli per lo sci nordico sono tre, di cui il più lungo, di 20 chilometri, unisce Campo Staffi a Monte Livata, e sul quale percorso si svolge la “Maratona dei Simbruini“.
Le piste sono sempre perfettamente ordinate, i percorsi accuratamente battuti e innevati anche grazie ad un moderno sistema di innevamento artificiale che sopperisce all’eventuale mancata caduta nivea naturale.
La stazione di Campo Staffi  offre la possibilità  di vivere la montagna nella sua totalità, dal carving allo snowboard, dallo snow tubing allo slittino al bob, nulla viene lasciato al caso, senza dimenticare gli splendidi itinerari escursionistici per sci alpinismo o sci escursionismo e diversi fuoripista di rara bellezza che permettono anche di divertirsi in una sorta di naturale snow park.
Share this: