CANEPINA - VT 1 1920x640

Canepina

A piedi o in bicicletta, in estate o in inverno, rimarrete ammaliati dai colori dei Monti Cimini, alle cui falde sorge il borgo di Canepina, la “Città del Castagno” immersa in un bosco fiabesco carico di questo frutto prezioso.

Una leggenda narra che Luigi Pirandello abbia raccontato di un passaggio di Dante Alighieri alla Selva Luce di Canepina, la fonte di ispirazione per descrivere la Selva Oscura del Canto Primo della Divina Commedia.

Reperti archeologici fanno risalire agli Etruschi la nascita di questo borgo a circa 70 km da Roma e meno di 15 da Viterbo, poi appartenuto alla potente famiglia dei prefetti Di Vico nel Medioevo.

Canepina deve il suo nome alle fiorenti coltivazioni della canapa in epoca medievale dovute al terreno ricco di acqua, la stessa che scorga oggi dalle preziose fontane del borgo: la Sorgente Fontanella, la Fontana di Via Umberto e il Fontanile di Cavonelli, l’area verde a pochi chilometri dal borgo, circondata da castagneti secolari e raggiungibile anche in mountain bike.

Da visitare: il maestoso Castello Anguillara, il Palazzo Farnese del 1500, la medievale Chiesa Collegiata Santa Maria Assunta, la Chiesa San Michele Arcangelo e la Chiesa della Madonna del Carmine con dipinti e affreschi del Quattrocento. Interessante anche il Museo delle tradizioni popolari e la Chiesa di Santa Corona del 1200, in onore del Patrono celebrato il 14 maggio.

Se la regina della tavola è la castagna in tutte le sue declinazioni, la crema di marroni, i marroni in barattolo, la farina, il liquore e la pasta alle castagne, nella sua corte canepinese non mancano mai l’olio extravergine di oliva Tuscia DOP e le nocciole, nei tipici tozzetti e ciambelle. Tra i piatti caratteristici: i Maccaroni o Fieno di Canepina, con la loro sagra dedicata a giugno, e i Ciciliani, la pasta lavorata con il ferro, accompagnati dagli ottimi vini IGT Colli Cimini.

Imperdibile a ottobre la corsa delle carrettelle alla Festa della Castagna e molto sentita quella in onore di Sant’Antonio Abate il 17 gennaio. Il 5 giugno si ricordano i 115 canepinesi che persero la vita nel bombardamento degli americani del 1944.

Share this:

Città e Borghi