Un Americano a Roma - Alberto Sordi

Cento anni di Albertone nel Lazio

A cento anni dalla sua nascita, lasciamo raccontare alle tante, tantissime location cinematografiche nel Lazio la storia e le storie di Alberto Sordi, l’attore, il regista, lo sceneggiatore, e poi cantante e doppiatore che ha portato la romanità sul grande e piccolo schermo.

Dopo un inizio sfortunato, cacciato dall’Accademia dei Filodrammatici per il suo smaccato accento romanesco, ironia della sorte, proprio la caratterizzazione di vizi e virtù dell’italiano medio è divenuto il suo “cavallo di battaglia”. Con circa 200 film realizzati, il 15 giugno si festeggiano i 100 anni di chi ha saputo calcare la scena con Monica Vitti, Vittorio Gassman, Nino Manfredi, Marcello Mastroianni, Vittorio De Sica e Ugo Tognazzi. E ancora, Aldo Fabrizi e Anna Magnani: l’Albertone Nazionale.

ROMA TRASTEVERE targa commemorativa Alberto Sordi

Sono inconfondibili le tracce nella storia del cinema italiano dell’“attore ed indimenticabile interprete della Storia di ogni Italiano… parte ormai indelebile di ognuno di noi”, come recita la targa di fronte a via di San Cosimato 7, la sua prima casa a Trastevere.

A Ronciglione nel 1956, veste i panni di un dongiovanni convinto che solo il celibato lo renda un uomo libero ne “Lo Scapolo” di Antonio Pietrangeli. Duettando con un altro mostro sacro come Nino Manfredi, capitolerà celebrando le sue nozze nella Chiesa di Santa Maria dell’Orto nella sua Roma trasteverina.

Nel 1953, Federico Fellini gira “I Vitelloni” tra Firenze, Viterbo, Roma e il lido di Ostia. Nella trama s’intrecciano le storie di cinque amici, cinque inguaribili Peter Pan incapaci di prendersi a pieno delle responsabilità: Alberto (Alberto Sordi), Moraldo (Franco Interlenghi), Fausto (Franco Fabrizi), Leopoldo (Leopoldo Trieste) e Riccardo (Riccardo Fellini). Indimenticabile il gesto dell’ombrello mentre sbeffeggia vilmente gli operai gridando “Lavoratori…”.

Polvere di Stelle - Alberto Sordi

Apriamo il sipario rosso e… chi è di scena nel 1952 – 53? Alberto Sordi in “Gran baraonda”, quel teatro di rivista in cui si espresse anche Wanda Osiris, la soubrette che lui dirigerà venti anni dopo in “Polvere di stelle”. Girate dallo stesso Alberto Sordi, sono tante le scene nel Lazio attraversate dalle vicende rocambolesche della sfortunata compagnia che mette in scena il teatro leggero. Indimenticabile il duetto con Monica Vitti in Ma ‘ndo Hawaii? che ha impresso nelle nostre menti il suo inconfondibile timbro di voce.

ROMA Galleria Alberto Sordi - liberty

A Roma, riconosciamo la passeggiata del Gianicolo, lo Stadio dei Marmi e la Galleria Colonna, la piazza dello shopping in stile liberty poi intestata ad Alberto Sordi. Nel cuore della Tuscia, al Palazzo Anguillara di Faleria ritroviamo la scena della cena a casa del gestore del teatro in cui la compagnia svuota la dispensa. Il quartier generale delle truppe alleate è l’ex casinò “Paradiso sul mare” ad Anzio, mentre Pomezia è dove i teatranti sono catturati dai nazifascisti per poi essere portati nella caserma, ovvero lo stadio Francioni di Latina.

Amore mio aiutami - Alberto Sordi

Correndo tra le dune di Sabaudia, ricorderete invece la scena di “Amore Mio Aiutami” che nel 1969 ritrae Giovanni, pazzo di gelosia, mentre rincorre sua moglie Raffaella (Monica Vitti) picchiandola, o meglio percuotendo la sua controfigura, un’insospettabile Fiorella Mannoia.

Ancora nella Riviera di Ulisse, raggiungiamo il Museo del Brigantaggio a Itri dedicato a Fra Diavolo. A lui s’ispirò Fra Diavolo, il film interpretato nel 1930 da Stan Laurel e Oliver Hardy. Indimenticabili Stanlio e Ollio e indimenticabili le loro voci che, forse non tutti lo sanno, furono doppiate in italiano da Mauro Zambuto e il nostro Albertone!

Un Americano a Roma - Alberto Sordi

“Maccarone m’hai provocato e io ti distruggo adesso, io me te magno! Questo ‘o damo ar gatto! Questo ar sorcio, co’ questo ce ammazzamo ‘e cimice”

Il mito americano, talvolta enfatizzato, era un elemento caratterizzante dell’italiano medio che Sordi ha saputo far esplodere in “Il mafioso” nel 1962, “Il Tassinaro” del 1983 con il sequel “Un tassinaro a New York” nel 1987, e “Un americano a Roma”. In quest’ultimo, nei panni di Nando l’Americano, si aggira mirabilmente con la cinepresa di Steno nel ghetto romano del 1954.

A piazza Navona, Monicelli rese omaggio a Roma Eterna con “Un borghese piccolo piccolo”, la pellicola drammatica del 1977 che vede Sordi all’apice della sua recitazione in un genere totalmente opposto alla commedia all’italiana. Accompagnato da Vittorio Gassman e Silvana Mangano, ne “La grande guerra” (1959) di Monicelli interpretò già un ruolo drammatico: un soldato costretto a malincuore a morire da eroe. Tra le location laziali: Civita di Bagnoregio, la zona tra Forano e Poggio Mirteto, e le ultime scene nel Castellaccio dei Montenori a Ladispoli, lungo l’antica via Aurelia.

Ancora in diversi quartieri romani, incontriamo Alberto, il protagonista impacciato di “Mamma mia, che impressione!” che impersona uno de “I compagnucci della parrocchietta” che Sordi aveva ideato per la sua satira in radio. Colpito dalla perfetta interpretazione vocale dei personaggi del popolino, Vittorio De Sica propose questa trasposizione cinematografica nel 1951. È una delle prime esperienze di Sordi sul grande schermo in cui “Signorina Margherita!” diventa il tentativo goffo di attirare l’attenzione ostentando un perbenismo meschino e un approccio petulante al gentil sesso.

Spavaldo con i deboli e servile con i forti, l’italiano medio di Sordi lo troviamo anche ne “Il conte Max” (1957). Attraversando alcuni tra gli angoli più belli di Roma, le vicende del “giornalaro” con l’edicola in via Vittorio Veneto raccontano lo sforzo maldestro di salire sulla scala sociale imparando “a fare il nobile” dal conte in miseria Max Orsini Varaldo (Vittorio de Sica).

Nel doppio ruolo di nobile romano, strafottente e sempre pronto a organizzare scherzi, e del suo sosia, un carbonaro di umili origini, per “Il Marchese del Grillo” (1981) il regista Mario Monicelli scelse i resti di Monterano, la città abbandonata a cavallo del 1800 nell’omonima riserva naturale nella Tuscia romana. Dal ghetto per lo scherzo della bottega “murata” al Teatro Marcello per gli incontri segreti con le sue amanti, fino alla casa di Olimpia in via della Pace e la loggia del palazzo del marchese, ovvero quella della Casa dei Cavalieri di Rodi, scoviamo a Roma location d’eccezione di quella che nasce come commedia storica e diviene un vero e proprio film cult.

Non possiamo uscire da Roma senza immergerci nella sua villa in via Druso, di fronte alle Terme di Caracalla, che aprirà i battenti dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021 per ospitare la mostra “Il Centenario – Alberto Sordi 1920-2020”. Una celebrazione dei cento anni dalla nascita del grande artista tra ricordi, opere d’arte, documenti inediti, abiti, foto e proiezioni di suoi film in giardino per raccontarne carriera e vita quotidiana. La mostra prosegue al Teatro dei Dioscuri con “Storia di un italiano”, il programma tv degli anni 70 che tratteggia gli italiani del XX secolo.

Impossibile citare tutto ciò che ha reso straordinaria la carriera di Alberto Sordi tanto da fargli meritare 5 Nastri d’Argento, 7 David di Donatello e il Leone d’Oro alla Carriera nel 1995. Ma siamo certi che il Marchese del Grillo al suo posto avrebbe concluso esclamando “Me dispiace, ma io so’ io e voi non siete un *****” (ve lo ricordate come finisce, no?).

Buon 100° Compleanno Albertone!

Alberto Sordi - Il Marchese del grillo

Share this:

Vedi anche

Idee di Viaggio