CERVETERI RM necropoli della banditaccia 1920x640

Le necropoli etrusche di Cerveteri e Tarquinia

Le Necropoli etrusche della Banditaccia a Cerveteri e dei Monterozzi a Tarquinia nel Lazio settentrionale sono un unico sito UNESCO dal 2004, esempi dell’architettura funeraria e riproduzione di centri abitati e case etrusche. Gli affreschi all’interno delle tombe, infatti, riproducono in maniera fedele la vita quotidiana, mentre i tumuli ricalcano le tipologie di edifici purtroppo scomparsi senza lasciare testimonianze in nessun altra forma se non quella funeraria.

Il sito archeologico di Cerveteri ha il fascino di un vero e proprio contesto urbanistico, simile a quello di una città, con strade, piazzette e quartieri, la cui tipologia varia in relazione al periodo storico e allo status della famiglia cui appartenevano le tombe. La Necropoli della Banditaccia si estende su un plateau tufaceo di circa 100 ettari e ospita migliaia di tombe etrusche. Tra gli esempi più rappresentativi: la Tomba dei Vasi Greci, la Tomba della Cornice, la Tomba dei Capitelli, la Tomba dei Rilievi. Dal 2012 un percorso di visita multimediale fa rivivere a pieno l’atmosfera di millenni or sono.

La necropoli di Tarquinia si estende per 150 ettari e raggruppa circa 200 sepolcri, ricavati nella roccia e accessibili da corridoi inclinati o gradini, dove potrete ammirare dipinti mirabilmente conservati che vi faranno capire l’evoluzione della civiltà etrusca. Ne è un esempio eccelso il dipinto della tomba dei leopardi. Sono oggi visitabili le Tombe del Cacciatore, dei Giocolieri, della Pulcella, Cardarelli, della Fustigazione, Fiore di Loto, delle Leonesse, dei Gorgoneion, dei Caronti, dei Leopardi, delle Baccanti, della Caccia e Pesca.

Share this:

Patrimonio UNESCO