Spiagge a 35 millimetri. I luoghi del cinema

Caldo, estate e voglia di mare, scegliendo le località più belle e inedite per una vacanza unica tra divertimento e relax!

Le accoglienti spiagge del Lazio con il mare azzurro e la sabbia dorata sono la destinazione ideale per trascorrere la stagione estiva 2019, ricordando e rivivendo anche le più belle scene di film famosi! E così sia: spiagge e cinema saranno proprio le nostre nuove destinazioni!

Dal passato recente ai giorni nostri, le spiagge del Lazio sono state molto spesso scelte da registi come set per i loro lungometraggi.

Scauri

Come si può non ricordare il grande Nino Manfredi in “Per grazia ricevuta” e le scene girate nella suggestiva spiaggia dei sassolini a Scauri, lo stesso luogo che fu scelto per il film “Il conte di Montecristo” con Gerard Depadieu e più recentemente per la seconda stagione della serie “Gomorra”, tratta dall’omonimo romanzo di Roberto Saviano?

La spiaggia si trova in una piccola baia isolata a riparo dalla grande massa che affolla il lungomare di Scauri, rendendo la permanenza in questo angolo del Lazio meridionale, un’esperienza veramente singolare.

Risalendo la costa del sud del Lazio, arriviamo a Formia con la famosa Spiaggia di Gianola: è qui che il regista Franco Miccichè ha girato le scene del film “I Compromessi sposi”, simpatica commedia del 2019 con Diego Abatantuono e Vincenzo Salemme.

Anche la vicina Gaeta, con le sue suggestive spiagge ha attratto (e continua ad attrarre) molti set cinematografici: la spiaggia di Serapo e quella assolutamente unica di Fontania, hanno visto il regista premio Oscar Paolo Sorrentino girare alcune scene del suo ultimo lavoro “The New Pope”, il sequel di “The Young Pope”, con Jude Law e John Malkovich protagonisti.

Spiaggia di Fontania a Gaeta

La spiaggetta di Fontania, raggiungibile soltanto attraverso una scalinata lunga un paio di centinaia di metri, è coronata da resti di un’antica villa romana che la rendono decisamente unica.

Sempre Gaeta ha visto numerose scene legate alla bellezza del suo mare cristallino. Ricordate la scena finale di “Saturno contro” di Ferzan Özpetek con le immagini delle falesie di Monte Orlando e del più recente “Questi giorni” di Giuseppe Piccioni girato lungo la costa del lungomare di Sant’Agostino o, ancora, “L’amica geniale” di Saverio Costanzo girato per alcune scene sulla spiaggia dell’Arenauta?

Le spiagge di Gaeta sono luoghi che sanno incantare: le coste rocciose a picco sul mare nascondono spiaggette e insenature dai fondali azzurri, la leggera brezza che si alza sin dalle prime ore del mattino grazie ai rilievi che le circondano, le rendono davvero indimenticabili.

Ora spostiamoci a Sperlonga uno dei luoghi di maggior attrazione turistica. Qui le scene del film “L’estate sta finendo” del regista Stefano Tummolini hanno coinvolto il lido locale della spiaggia di Bazzano e le scogliere a picco sul mare.

Sempre a Sperlonga, l’antica villa romana conosciuta come Grotta di Tiberio è stata il set delle riprese del film “Satyricon” di Federico Fellini, girato anche sull’isola di Ponza e sulle falesie di Capo Bianco. L’Isola di Ventotene ha visto il suo territorio in primo piano in alcune riprese cinematografiche come “La messa è finita” di Nanni Moretti e, più recentemente, con “Il professor Cenerentolo” di Leonardo Pieraccioni.

La lunga scia azzurra del mare del Lazio ci conduce a Sabaudia con le sue preziose dune che furono set di “Scipione l’Africano”, “Divorzio all’italiana”, “Compagni di scuola”, “Non ti Muovere” e “Amore mio aiutami”, film quest’ultimo dove una giovane Monica Vitti, nel film Raffaella, è inseguita da Alberto Sordi, nei panni del marito Giovanni, proprio sulla spiaggia del litorale pontino.

Spostandoci verso Roma e ci sovviene subito il grande Alberto Sordi: dal 1950 furono numerose le scene che l’attore girò tra Ostia e Fregene, a partire dal suo debutto cinematografico in “Mamma mia che impressione”, “Il seduttore” o “I Vitelloni” di Federico Fellini.
Anche Carlo Verdone è stato ispirato e ha girato sulle spiagge di Ostia il famoso film “Gallo Cedrone”. Nanni Moretti ha avuto con il litorale romano un’assidua frequentazione, come dimostra anche la mitica scena di “Ecce bombo” in cui aspetta l’alba all’altezza dell’ottavo Cancello della spiaggia libera di Castelporziano.

Ecce Bombo

Ma il film che forse più di tutti ha rappresentato Ostia è quello di Luciano Emmer, “Domenica d’Agosto”, la rappresentazione di un’Italia di fine anni 40 fatta di ricchi e poveri, entrambi desiderosi di mare ma separati da una netta divisione sociale: i più benestanti alla Vecchia Pineta e i meno abbienti a ballare sulle terrazze del Marechiaro o intenti a scavalcare le protezioni issate per separare le spiagge dei cosiddetti VIP.

Anche le scene sulla spiaggia della serie “Romanzo Criminale” sono state girate a Ostia dal regista Stefano Sollima. La spiaggia di Torre Astura appare in lontananza nel commovente “Le avventure di Pinocchio” di Luigi Comencini. “Otto e mezzo” di Federico Fellini fu girato a Tor San Michele nella vicina Fiumicino. Infine, “Come un Gatto in Tangenziale” con Antonio Albanese e Paola Cortellesi ebbe come sfondo la spiaggia di Coccia di Morto sempre a Fiumicino.

Che dire allora, quest’estate vi aspetta un mare che va dai 35 millimetri ai 4K lungo le spiagge laziali… a voi la scelta!

Share this:

Idee di Viaggio