Tarano

Tarano

Percorrendo l’autostrada Roma-Firenze e superando Stimigliano, si arriva a Tarano che compare all’improvviso eretto su un colle tutto racchiuso nelle sue mura medievali. Se si supera il paese per andare verso Montebuono, lo si può ammirare in tutta la sua estensione disteso sul promontorio roccioso dove e stato costruito in tutta la sua fierezza.

Entrando dal portone della cittadella, si percorre la strada in salita che porta fino al castello. Le strade sono ben ornate di piante di fiori che gli abitanti del borgo amano lasciare fuori dei portoni e sui balconcini delle loro case, quasi a salutare i visitatori.

Il centro storico di Tarano offre la vista di un inaspettato scenario medievale con le sue case torri, le dimore in pietra arroccate e unite le une alle altre, che racchiudono lo spazio del grandioso duomo preromanico, da cui si erge la bella torre campanaria del XII secolo.

Arrivando nella piazza del castello non rimane altro che riempirsi gli occhi della vegetazione che tutt’intorno al monte incastellato si mostra rigogliosa. Qui il turista può fermarsi e cercare la quiete e riempire di gioia gli occhi e il palato.

La cucina tipica di questo territorio è quella delle paste fatte in casa come i maccaroni a matassa, le zuppe con i cereali come il farro e tutto condito con l’olio della sabina che ne esalta il sapore.

Share this:

Città e Borghi