Giro d'Italia

Tre giorni in rosa. Arriva il Giro d’Italia

Il lungo viaggio della centoduesima edizione del Giro d’Italia percorre il Lazio per la gioia di tutti gli appassionati delle due ruote.

Dal 14 maggio fra tintinnii di cambi e catene su tecnologici telai in carbonio, il “fiume di biciclette” che discende l’Italia entra nel Lazio: a partire da Latera nel viterbese inizia la scoperta di una regione tra le sue bellezze storico/artistiche, paesaggi e tradizione culinaria che sarà il filo conduttore di tutti coloro che hanno deciso di seguire il giro in prima persona.

Giro d'Italia

Le tappe laziali non saranno quindi soltanto muscoli e fatica ma grandi emozioni e scoperta.

La maremma laziale con Tuscania e la sua area archeologica è il migliore benvenuto per dare inizio a circa 500 km di meraviglie. La tappa prosegue quindi verso il borgo medievale di Vetralla, una grande distesa di verdi colline, vigneti e boschi della Tuscia.

Giro d'Italia
Giro d’Italia – Quarta Tappa

Eccoci quindi continuare la tappa di questo viaggio in rosa verso il cuore d’Italia, una lunga discesa fino a Sutri: abbiamo appena lasciato alle nostre spalle la bellezza del lago di Vico e ci accingiamo verso i misteri del mondo etrusco.
Numerose tombe e un anfiteatro interamente ricavati nel tufo testimoniano la grandiosità di questa città e del suo glorioso passato.

Ancora pochi chilometri e l’area metropolitana di Roma ci accoglie. Campagnano di Roma, Castelnuovo di Porto, Monterotondo e Mentana, sono i luoghi del grande impero Romano, delle grandi imprese del passato, ma anche i luoghi della tradizione culinaria di Roma, dove si custodisce il segreto dei carciofi alla giudia, della bontà della gricia e la delizia del maritozzo con la panna.

Siamo giunti alle ultime battute, poco più di 40 chilometri e Frascati sancirà il vincitore di questa – la quarta – tappa del Giro d’Italia. La cornice è quella dei Castelli Romani, le grandi ville come quella dei Torlonia e degli Aldobrandini ci portano a distogliere anche per un attimo il pensiero dai bei momenti vissuti in questa tappa.

La fatica delle squadre è stata tanta, sarà del buon abbacchio alla romana e il vino dei castelli a riportare l’allegria e a farci dimenticare la fatica ma non le belle ed emozionanti scoperte.

Giro d'Italia

Il 15 Maggio il viaggio riprende con una tappa tutta laziale, dai Castelli Romani fino a percorrere l’agro pontino con le sue campagne ricche di prodotti della stagione primaverile e i borghi affacciati sul mare.

Il lago di Albano ed il lago di Nemi con le loro acque che cambiano rapidamente colore sono una meraviglia da scoprire a pochi chilometri dalla partenza, quindi Cisterna di Latina con lo straordinario Giardino di Ninfa, per proseguire sulle strade di Latina la città dal puro stile razionalista fondata nel 1932.

Questa provincia del Lazio con le sue coste dal mare azzurro ci conduce quindi verso Terracina, la meta finale di questa quinta tappa da 140 chilometri, prima però una visita alla splendida Abbazia di Fossanova e ai borghi di Roccagorga e Prossedi.

Le specialità culinarie di questo territorio sono un perfetto mix di mare e terra, il risultato è un piacere per il palato, soprattutto quando ad accompagnare i piatti troviamo un vino moscato come quello DOC di Terracina.

Il traguardo è a pochi chilometri, la potenza dei muscoli comincia a liberarsi, il ritmo diviene più incalzante, stiamo entrando a Terracina con la sua storia antica e moderna, indissolubilmente legata alla bellezza delle sue spiagge dorate e ai sapori di un mare premiato con la bandiera Blu.

Giro d'Italia
Giro d’Italia – Quinta Tappa

L’ultima Tappa rosa del Lazio del 16 maggio ci porta in Ciociaria, alle pendici della millenaria Abbazia di Montecassino stupenda e imponente, salutiamo il giro con la sesta tappa e l’ultima partenza laziale.

Terra di camminatori che percorrono il cammino di San Benedetto, la Ciociaria è anche il luogo della memoria, in questi giorni di maggio di 75 anni fa Cassino veniva finalmente liberata dall’oppressione nazista con l’Operazione Diadem.
La visita all’Abbazia e ai sui musei è quindi una meta obbligata per completare questo viaggio Laziale che ci ha portato a scoprire ciò che di più bello c’è nel ciclismo e la meraviglia che si può trovare nel viaggiare sulle due ruote.

Quindi che vinca il migliore! Che vinca il Lazio!

Share this:

Idee di Viaggio