Castelli Romani DOP RM Malvasia

Vino Castelli Romani DOC

La zona dei Castelli Romani vanta grandi doni di Bacco, come il Castelli Romani doc. La produzione vitivinicola si è diffusa in numerosi comuni grazie ad antiche tradizioni per la cultura del vino, una particolare vocazione dei terreni vulcanici, ricchi di sali e di fosforo, un ideale microclima e l’azione mitigatrice dei laghi.

La DOC «Castelli Romani» è riservata al vino bianco secco, amabile e frizzante; rosso secco, amabile, frizzante e novello; rosato secco, amabile e frizzante.
Il vino bianco, nelle varie tipologie, si ottiene dai seguenti vitigni: Malvasia (bianca di Candia e puntinata); Trebbiano (toscano, di Soave, verde e giallo). Presenta un colore paglierino; odore fruttato, intenso; sapore fresco, armonico, secco, talvolta frizzante e/o amabile, con un gradazione minima di 10,5°.
Il vino rosso, nelle varie tipologie, è ottenuto dai seguenti vitigni, usati da soli o congiuntamente: Cesanese, Merlot, Montepulciano, Nero Buono e Sangiovese, ai quali è consentito l’uso di altri vitigni a bacca nera idonei alla coltivazione nella Regione Lazio, fino ad un massimo del 15%. Presenta un colore rubino; odore persistente, fruttato per il tipo novello; sapore fresco, secco, talvolta frizzante e/o amabile, vivace e fragrante per il tipo novello, con un gradazione minima di 11°.

Le zone tipiche di produzione sono: in provincia di Roma, Albano Laziale, Ariccia, Castel Gandolfo, Ciampino, Colonna, Frascati, Genzano di Roma, Grottaferrata, Lanuvio, Lariano, Marino, Monte Porzio Catone, Nemi, Rocca di Papa, Rocca Priora, Velletri, Zagarolo, San Cesareo, Ardea, Artena, Montecompatri, Pomezia, Roma; in provincia di Latina, Cori, Cisterna di Latina, Aprilia.

Share this:

Olio pane vino