La Sagra delle Regne a Minturno è la festa del grano e affonda le sue radici all’epoca pre-romana. Questa occasione era dedicata alle divinità della terra e dell’agricoltura a cui venivano offerte tutte le primizie per ringraziarle del buon raccolto.

Sagra delle Regne

Fino all’avvento del Cristianesimo, a Minturno la festa era in onore di Silva Maricae, ninfa della vegetazione e dei boschi di Minturnae. In seguito fu dedicata alla Madonna delle Grazie. Dopo l’interruzione durante la Seconda Guerra Mondiale, la celebrazione si rinnova ininterrottamente dal 1954.

La Sagra delle Regne celebra le tradizioni contadine e il folklore locale con una suggestiva ricostruzione storica e le sfilate di carri votivi. I carri trasportano covoni di grano offerti a Dio e alla Madonna delle Grazie, un ringraziamento per il raccolto dell’anno e un gesto propiziatorio per l’anno successivo. Il grano è battuto con un correggiato da “gli mitituri”, ossia i mietitori, in quella che in dialetto locale è detta “vigliatura tello ranu”.

Alle celebrazioni religiose si affiancano molti eventi rievocativi, storici, culturali. La rievocazione storica dello sbarco di Dragut, il corsaro ottomano che il 21 luglio del 1552 approdò su questi lidi. Questa fu una delle pagine più buie della storia del territorio. Tutta la popolazione si riversa sulla Piana per i festeggiamenti in ricordo della liberazione del paese dal corsaro Dragut. Immancabili i consueti stand gastronomici con i prodotti della terra pontina e i piatti tradizionali.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

I Pugnaloni, i quadri fioriti di Acquapendente

Nella terza domenica di maggio ad Acquapendente c’è la festa della Madonna del Fiore con la sfilata dei Pugnaloni, enormi quadri di petali di fiori e foglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.