Il termine bujone deriva dal francese “buillon” cioè brodo perché in questo tipo di cottura la carne è accompagnata da un abbondante sughetto.

Per gli ingredienti di questo succulento piatto occorrono un chilogrammo di agnello, olio extravergine di oliva, salvia, rosmarino, aglio, peperoncino, vino bianco, passata di pomodoro, sale e pepe.

Per la preparazione si soffriggono in olio evo due spicchi di aglio, rosmarino, salvia e peperoncino, si aggiungono i pezzi di agnello e si fanno rosolare.

Appena l’agnello è rosolato si aggiunge un bicchiere di vino bianco, il sale e si lascia cuocere pian piano a tegame coperto aggiungendo infine qualche cucchiaio di passata di pomodoro, due bicchieri di acqua calda e a fuoco basso si continua la cottura per circa quaranta minuti.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel S.Elia

Da Nepi, alle cascate naturali, alla Basilica di Sant’Elia gioiello in stile romanico, l’itinerario in questo angolo dell’alta Tuscia è pieno di meraviglie.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!