Antenato del Pecorino Romano, già cantato nel 50 d.C. da Lucio Giunio Moderato Columella nel suo “De Re Rustica”, il Cacio Fiore è un formaggio di latte crudo ovino, con l’aggiunta di caglio vegetale ricavato dal fiore di carciofo o di cardo selvatico, raccolti nel periodo estivo nella Campagna Romana. Ed ecco svelato il significato del suo nome “bucolico”.

Presidio slow Food dal 2005, il Cacio Fiore è stagionato per 30-60 giorni su assi di legno, ha la tipica forma “a mattonella”, la crosta grinzosa e giallognola e la pasta morbida e cremosa.
Dal profumo deciso con sentori di carciofo e verdure di campo, il sapore intenso e tipicamente amarognolo, il Cacio fiore è prodotto a Roma, Anguillara Sabazia e Trevignano Romano, esattamente come lo facevano gli Antichi Romani.

Gustoso da solo, è da provare in ricette della tradizione della Campagna Romana, come gli gnocchi di semolino alla romana.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel S.Elia

Da Nepi, alle cascate naturali, alla Basilica di Sant’Elia gioiello in stile romanico, l’itinerario in questo angolo dell’alta Tuscia è pieno di meraviglie.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!