Il carciofo setino è un prodotto di eccellenza, coltivato in terra lepina già dai primi dell’800 in piccoli appezzamenti sotto il nome di “Rosa Setina”, alla cui qualità contribuiscono un’attenta selezione del cardo e le caratteristiche esclusive dei terreni.

Un prodotto perfettamente in linea con le indicazioni della dieta mediterranea che si caratterizza per le dimensioni maggiori delle altre qualità di carciofi (fino a un diametro di 10 cm.), la forma arrotondata, le brattee verdi tendenti al violaceo e l’assenza di spine e peluria.

Il carciofo di Sezze è del tipo “romanesco” a marchio IGP ed è apprezzato per la tipica fragranza, la morbidezza del “cuore”, i petali molto teneri e le sue qualità curative per l’elevata quantità di fibre e di ferro che contiene grazie al microclima dei Monti Lepini, riscaldato dai venti del litorale pontino.

Nelle ricette della tradizione e in quelle che la fantasia locale ha elaborato nel corso dei secoli, il carciofo di Sezze, che sia cotto al forno o in tegame, è una prelibatezza: alla giudìa, alla romana, fritti dorati, ripieni, o ancora ingrediente principe della lasagna o del sugo di condimento per la pasta. Ma non solo gastronomia, perché il carciofo di Sezze è utilizzato anche per la preparazione del liquore, della birra artigianale “Carciofa”, nella cosmesi e nella fitoterapia.

Dal 1969 l’intera comunità di Sezze nel mese di aprile dedica una grande festa durante la quale è possibile gustare l’ortaggio cucinato in tantissimi modi, accompagnato da buon vino locale o dalla Carciofa e dalla tipica pagnotta di Sezze, acquistare primizie di ogni tipo e assistere alle esibizioni di gruppi folk che rievocano usi e costumi della vita dei contadina dei nostri avi.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Quando Bonaparte fu il Principe di Canino

Ecco la storia narrata dai luoghi che 200 anni fa entrarono nella vita di Luciano Bonaparte, fratello di Napoleone e Principe di Canino dal 1814 per 20 anni.

4 storie d’Amore soprannaturale nel Lazio

Parliamo d’Amore con la A maiuscola! Passeggiamo nel Lazio in 4 luoghi che raccontano storie d’Amore soprannaturale. Scopriteli con noi. Andateci con chi amate!

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.