I dolci anticamente non erano un alimento di uso quotidiano: erano legati alle festività, unica occasione per mangiare più abbondantemente soprattutto piatti più elaborati e costosi che i miseri bilanci non permettevano di mettere in tavola quotidianamente.

I Ceciaroli, ravioli dolci con ceci, era considerato un dolce prelibato ed elaborato tipico di alcuni paesi della Tuscia: Vignanello, Vallerano e Corchiano.

Gli ingredienti per la pasta sono una tazza di vino, mezza tazza di olio extravergine, mezza tazza di  zucchero e farina q.b.

Per il ripieno occorrono un kg di ceci, 600 gr di miele, liquore dolce, cannella, vaniglia e 100 gr di cioccolato.

Per la preparazione bisogna tenere a bagno i ceci per una notte e poi lessarli. Dopo cotti e triturati si fa un impasto con il miele, il cioccolato, il liquore, la vaniglia e la cannella.

Stendere la pasta formando una sfoglia sottile, deporre una cucchiaiata dell’impasto ogni 10 cm circa di sfoglia e via via ripiegarla formando dei ravioli. Vanno fritti o cotti in forno spolverandoli infine con lo zucchero a velo.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Buon 2777° compleanno Roma!

Il 21 aprile Roma festeggia il suo 2777° compleanno. Perché si festeggia il 21 aprile? E quali sono le tradizioni da vivere nella Città Eterna? Ecco la storia.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

Più che colazione, brunch di Pasqua nel Lazio

La chiamano colazione di Pasqua ma somiglia di più a un brunch. Inizia appena svegli e finisce prima di tuffarsi sul divano, una vera maratona enogastronomica!

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi