La Cattedrale di San Lorenzo o Duomo di Viterbo, a circa 80 km da Roma, si erge in pieno centro storico ed è l’edificio religioso più importante del capoluogo della Tuscia.

L’edificio dalla metà del Duecento assunse ancora maggiore rilievo con la presenza dei Papi che risiedevano nel celebre Palazzo Papale edificato nelle vicinanze.

La chiesa nel 1192 venne trasformata nell’edificio romanico, che possiamo ammirare ancora oggi, sul luogo di un’antica Pieve. Il campanile invece fu costruito verso la fine del 1300 e presenta le tipiche caratteristiche del gotico toscano.

Entrando nella chiesa rimaniamo subito incantati dall’insieme. Nella navata centrale si rimane sbalorditi dal bellissimo pavimento cosmatesco, nella navata di destra meritano menzione il fonte battesimale del XV secolo, le Cappelle di Santa Caterina e dei Santi Valentino ed Ilario e alcuni dipinti del XVII secolo di Giovan Francesco Romanelli.

Nel Cappellone, che si apre dietro il presbiterio, si trova la volta affrescata da Giuseppe Passeri nel XVII secolo con il Giudizio Universale e le Virtù Cardinali e un’altra tela del Romanelli con S. Lorenzo in gloria. Nella navata di sinistra si conserva il monumento funebre di Giovanni XXI e le lastre tombali di Alessandro IV e Clemente IV. Non bisogna dimenticare la riproduzione della Madonna della Carbonara, conservata in originale al Museo Colle del Duomo.

Alla fine della navata si trova la tavola del Redentore Benedicente tra S. Giovanni Evangelista, S. Leonardo, S. Benedetto e S. Giovanni Battista.

Le emozioni nella Tuscia viterbese non finiscono mai!

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Lazio, terra di Patrimonio Mondiale dell’UNESCO

Nel Lazio sono 9 i riconoscimenti inclusi nelle liste materiali e immateriali dell’UNESCO. Eredità di eccezionale valore universale per il mondo intero.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.