Questo piatto povero era molto in uso nelle campagne della Teverina; i frutti che venivano utilizzati erano quelli che si trovano ancora oggi nelle piante di fichi selvatici. In mancanza di questi si utilizzavano quelli non ancora giunti a maturazione delle piante da frutto.

Per gli ingredienti di questa semplice ma appetitosa ricetta servono un kg di fichi selvatici, aglio, finocchio selvatico secco, olio extravergine, sale e pepe.
Per la preparazione occorre lavare ed asciugare i fichi; in una padella fare un soffritto con olio, 2 o 3 spicchi d’aglio aggiungendo successivamente i fichi, il sale, il pepe e una spolverata abbondante di finocchio secco selvatico. Lasciarli cuocere a fuoco lento e gustarli ancora caldi.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Seguendo l’eco del Liri in 4 borghi ciociari

L’acqua caratterizza la Ciociaria. Seguiamo l’eco del Liri nei 4 borghi che portano il suo nome: Castelliri, Fontana Liri, San Giorgio a Liri, Isola del Liri.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!