È un formaggio di latte vaccino crudo. Ogni pezzo è fatto a mano nel rispetto dell’antica ricetta che prevede l’utilizzo di soli tre ingredienti: latte proveniente da allevamenti del territorio, caglio di vitello e sale marino.

Il Gran Cacio di Morolo insieme alla Ciambella è un prodotto di eccellenza tipico della tradizione casearia ciociara.

Ogni pezzo è realizzato a mano nel rispetto dell’antica ricetta.Gli ingredienti base sono latte vaccino proveniente da allevamenti del territorio, caglio di vitello naturale, sale marino integrale e olio extravergine di oliva.

Le forme a pasta filata, lavorate a mano, pezzo per pezzo, sono poi affumicate naturalmente con trucioli di legno di faggio o pioppo e lasciate a stagionare negli antichi locali con pareti in pietra di tufo.

La forma è di colore giallo paglierino tendente al marrone per via dell’affumicatura. Il sapore è dominato dalle note dell’affumicatura e risulta leggermente salato e deciso con un finale che tende al piccante che si accentua negli stagionati oltre i 18 mesi.

La produzione di questo formaggio inizia negli anni ’30 a Morolo, sulle pendici dei Monti Lepini e da formaggio marginale, realizzato solo in casi di esubero di latte, è diventato un vero tesoro gastronomico.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Seguendo l’eco del Liri in 4 borghi ciociari

L’acqua caratterizza la Ciociaria. Seguiamo l’eco del Liri nei 4 borghi che portano il suo nome: Castelliri, Fontana Liri, San Giorgio a Liri, Isola del Liri.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!