Grattachecca, “l’immancabile” dell’estate romana!

Se sei a Roma durante una calda estate, come quella di quest’anno, poche sono le cose positive a disposizione. Una su tutte è lei, la grattachecca. E’ proprio l’estate che si attende per affondare il cucchiaio in quel bicchiere, ricco di ghiaccio trito, cosparso e annegato in sciroppi e frutta fresca.

Nella top ten dei gusti più richiesti c’è sicuramente il Lemoncocco, magico miscuglio di ghiaccio, cocco in sciroppo e a pezzi e limone. C’è poi chi “alza il tiro” e insieme al limone trita anche gustose e meno acri bucce di cedro. C’è anche chi punta alla grattachecca per mantenere la linea e lascia tutti gli ingredienti fuorché lo sciroppo.
Il consiglio è uno solo: mangiatela velocemente perché con questo caldo finirete con il bervi una limonata, per giunta calda e senza zuccheri!

Grattachecca

I primi chioschi romani, di fatto, la grattachecca ha origini abruzzesi per chi si fosse illuso della paternità, compaiono a Trastevere il secolo scorso. All’epoca, era considerata la versione più economica del dessert da passeggio, dal momento che i gelati, più costosi, erano destinati a una clientela borghese.

Oggi, sono tantissimi i chioschi di grattachecche, più o meno uno per ogni quartiere, alcuni aperti tutto l’anno, altri durante l’estate.

E qui bisogna fare attenzione tra la grattachecca doc e la granita, la prima “è n’artra cosa”. Il suo nome già lo spiega: si tratta di ghiaccio grattato da una lastra con un apposito macchinario di ferro.

si dice che…
il nome “grattachecca” derivi, da una tale Francesca, che anticamente grattava il ghiaccio. Per esortarla, le persone attorno a lei usavano dire “gratta, Checca”. Checca era proprio il diminutivo di Francesca.

Facciamo quindi un tour tra i grattacheccari doc.

Grattachecca

Andiamo a Città del Vaticano, all’inizio di via Trionfale che fa angolo con via Telesio c’è la Sora Maria, classe 1933! Ora c’è sua figlia Gabriella, che ha mantenuto la qualità della mamma! Quest’anno poi, il chiosco si è anche rinnovato a causa dell’emergenza Covid-19, Gabriella ha pensato di creare una cassa adiacente al chiosco con tanto di plexiglass e igienizzante mani!

C’è poi Er chioschetto di San Giovanni è autocelebrativo: sul fondo verde capeggia la scritta “la mejo grattachecca di Roma”. Qui, in Via Magna Grecia (angolo con Via Corfinio), la grattachecca più in voga è sicuramente l’amarena, con pezzi di cocco e amarena sciroppata sopra, ma anche gli altri gusti come limone (rigorosamente con spremitura di limoni freschi) e frutta di stagione.

Grattachecca

Per i testaccini doc, non ci sono dubbi: il vero re del Lemoncocco è a Testaccio, Via Giovanni Branca 122, superata la piazza di Santa Maria Liberatrice, dove la grattachecca con limone e succo di cocco è imperdibile.

Alla Fonte d’Oro, la “grattachecca più grattachecca” di Trastevere, è qui, su Lungotevere Raffaello Sanzio da ben 4 generazioni, parrebbe ci sia passato anche Leonardo Di Caprio, senza esser riconosciuto!

Tra i personaggi illustri che hanno assaggiato la grattachecca romana c’è anche Michelle Obama che non si è fatta scappare quella della Sora Mirella all’Isola Tiberina!

Grattachecca

E voi che aspettate!

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in un'atmosfera mistica, immerso una natura selvaggia, troviamo Farfa, due sillabe, un piccolo borgo, un grande nome che le viene dal fiume che scorre vicino, il Farfarus di Ovidio, il Fabaris di...

La bella Viterbo e la magia del suo “Villaggio di Natale”

Si immagini il grande orologio dipinto su Torre dei Priori a Viterbo, affacciato su Piazza del Plebiscito, con i suoi numeri arabi, lentamente scandire le ore, i giorni, i mesi … E’ trascorso un intero anno, 365 giorni per l’esattezza, senza che per l’aria si...

La Tuscia del Sentiero dei Briganti

Se l’Italia è “terra di santi, poeti, navigatori”, il Lazio è la patria dei briganti, uomini temuti ma anche acclamati dalla popolazione quanto disprezzati da nobili e “sbirri”. Personalità controverse, a volte indecifrabili, che sfuggendo alla legge ed eludendo le...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, circondato da faggi, castagneti e boschi di querce, Picinisco da oggi offre un motivo in più per essere visitato. Il piccolo borgo della Valle di Comino ha avuto il...

Autunno. È tempo di foliage

Ad ottobre per gli amanti della natura e della fotografia inizia uno dei periodi più magici. Le foglie degli alberi cambiano colore, i boschi assumono una nuova veste con intonazioni cromatiche che vanno dall'arancione dorato al rosso intenso, l’aria è più fresca e i...

Immersi nei laghi del Lazio

Negli ultimi anni il sorgere di un turismo slow ed esperienziale ha prodotto un cambiamento nel concetto stesso di viaggio, rivolto ora verso destinazioni ricche di cultura, buon cibo e soprattutto tanto, tanto relax. Ecco allora prediligere i laghi del Lazio dove...

Le calde sfumature della Sabina

In autunno, quando la natura si tinge delle mille sfumature calde che vanno dal rosso, al giallo, al marrone, tanti prodotti tipici stagionali appaiono sulle tavole dei borghi reatini e spesso vengono celebrati in famose sagre. Il borgo dove si incontrano il Cammino...

Percile il piccolo borgo tra boschi e radure dei Monti Lucretili

Una meta ideale per le tiepide giornate autunnali è il piccolissimo borgo di Percile, gioiello immerso tra boschi e radure del Parco dei Monti Lucretili, dove si respira ancora un’atmosfera medievale ed il tempo sembra sospeso. Pronti allora per perdersi tra vicoli,...

Castel Gandolfo: l’elegante centro storico e la passeggiata lungo il lago

Basta una giornata di sole per farci desiderare di visitare uno dei più suggestivi borghi dei Castelli Romani. Castel Gandolfo, famoso per essere la residenza estiva dei pontefici e per i suoi bellissimi giardini che ospitano i resti della Villa di Domiziano e la...

Conosci Piazza di Spagna a Roma?

Turista o romano, avrai risposto “Certo!”. Ma noi ti sveliamo due punti molto poco noti di Piazza di Spagna nel grande sito Patrimonio Mondiale dell’Unesco della Città Eterna. Forse tutti sanno che Piazza di Spagna deve il suo nome all’Ambasciata di Spagna presso la...