Il biscotto di San’Antonio è un Prodotto Agroalimentare Tradizionale (PAT) del Lazio, in particolare della Tuscia viterbese. È un pane dolce, a forma di treccia e dall’antichissima ricetta tramandata oralmente. Tipico di Acquapendente (Viterbo) ma reperibile anche nei limitrofi borghi di Proceno, San Lorenzo Nuovo, Torre Alfina e Onano, solitamente pesa mezzo chilo, ha un caratteristico retrogusto di anice, perfetto per accompagnare il vino e, grazie a una doppia lievitazione, rimane soffice per 10 giorni.
Nel suo manoscritto Cronache sulla terra di Acquapendente del 1588, Paolo Biondo racconta di una festa organizzata dalla Confraternita di Sant’Antonio in onore del santo, e del biscotto intrecciato, riconducibile al simbolismo del nodo e quindi simbolo di fedeltà al santo.

Ingredienti

farina 00 qb
4 uova
900 gr di zucchero
1 bicchiere di olio EVO
3 bicchierini di marsala all’uovo
lievito naturale
60 gr di lievito di birra
7 gr di semi di anice
½ litro di latte
1 bustina di vaniglia
buccia di arancia o limone grattugiata

Procedimento

Sbattere le uova e aggiungere lo zucchero, la scorza d’arancia/limone, la vaniglia e il marsala. Sciogliere il lievito in un bicchiere con il latte tiepido e incorporare il tutto con la pasta precedente preparata. Unire la farina quanto basta per lavorare la pasta con le mani. Fare una ciambella con la tipica forma a 8 intrecciata, riponendola all’interno delle relative teglie di acciaio, e lasciar lievitare una seconda volta. Prima di coprirlo, cospargere con un pennello la superficie del biscotto con l’uovo sbattuto, per fargli assumere in cottura il colore marrone chiaro dorato. Far cuocere in forno per circa 20 minuti alla temperatura di 180°C – 200°C.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

I Pugnaloni, i quadri fioriti di Acquapendente

Nella terza domenica di maggio ad Acquapendente c’è la festa della Madonna del Fiore con la sfilata dei Pugnaloni, enormi quadri di petali di fiori e foglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.