Il Broccolo Romanesco si coltiva sin dall’antichità in tutta la Campagna Romana, il territorio che comprende parte dell’Agro Romano e l’area che circonda Roma fino al Circeo. Ad Albano Laziale (RM) esiste una varietà dall’infiorescenza più grossa con il nome di “broccolo di Albano” o “broccolo capoccione”.

È una varietà di cavolo broccolo di colore verde chiaro e forma piramidale, con tante piccole rosette disposte a spirale. Ricco di antiossidanti, vitamina C, fibre e carotenoidi, rientra nel gruppo di piante di cui non si mangiano le foglie ma le infiorescenze non ancora mature.

Il broccolo romanesco deriva il suo nome da “brocco”, il germoglio, e fu un ortaggio sacro per Greci e Romani perché cura per diverse malattie, ulcerazioni e ferite e, mangiato crudo prima dei banchetti, aiutava ad assorbire l’alcool. Originario dell’Asia Minore, la coltivazione del broccolo romanesco nella Lazio si ottenne dall’isolamento di popolazioni locali di cavolfiore nella metà del 1800. Proprio nel 1800, Giuseppe Gioacchino Belli cita nel suo sonetto “Er Testamento Der Pasqualino” l’ortolano “Torzetto”, che coltivava e vendeva broccoli romaneschi e “meritava” l’appellativo di “torsolo”.

Il broccolo romanesco è ottimo all’agro, cioè condito a freddo con olio e limone, e ripassato in padella con olio, aglio e peperoncino. Nella tradizione romana troviamo la minestra di broccoli e arzilla e, tra le numerose ricette, il minestra di broccoli e arzilla e la minestra di pasta e broccoli.

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Buon 2777° compleanno Roma!

Il 21 aprile Roma festeggia il suo 2777° compleanno. Perché si festeggia il 21 aprile? E quali sono le tradizioni da vivere nella Città Eterna? Ecco la storia.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

Più che colazione, brunch di Pasqua nel Lazio

La chiamano colazione di Pasqua ma somiglia di più a un brunch. Inizia appena svegli e finisce prima di tuffarsi sul divano, una vera maratona enogastronomica!

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi