Una produzione casearia recuperata in riferimento ad una tradizione orale della bassa Sabina e a documenti storici secolari: è il Cacio Magno.

Di puro latte ovino, è un formaggio a brevissima stagionatura, circa 20 giorni dalla pasta morbida che si scioglie in bocca, dal sapore pieno ma delicato, burroso con un sentore ovino poco percettibile e una sfumatura gradevolmente acidula.

 

La crosta, edibile e di colore grigio, con la sua callosità, compensa l’adesività molle della pasta, di colore giallo paglierino.

La preparazione è complessa, dalla cagliatura a freddo (20°C), rotta fino a diventare grande come una noce; alle tre stufature, a vapore e ad aria; e poi dalla salatura in salamoia di quattro ore alla stagionatura per circa venti giorni; e infine la spolveratura di fecola di patate per aiutare la formazione della crosta.

Viene prodotto nelle tipologie “Semplice”: di intensità e persistenza medio-bassa, sapore dolce, odore e aroma con leggero animale; oppure “Alle erbe” in cui l’aggiunta di erbe (rucola e/o olive e/o radicchio e/o peperoncino) conferisce una significativa aromatizzazione.

Per le sue caratteristiche ha un uso quasi esclusivo “da tavola”, eventualmente abbinato a insalate di verdura fresche, o a frutta matura. Si abbina preferibilmente a vini bianchi del territorio, giovani, freschi, abbastanza morbidi e leggermente aromatici, come il Frascati DOC o il Cremera Lazio Bianco IGP.

Sul perché del nome c’è una bella storia. Sembra che Carlo Magno, ospite nell’ Abbazia imperiale di Farfa per l’incoronazione, assaggiò questo particolare formaggio, inusuale per il tempo, rimanendone incantato. A tal punto da portarne con sé alcune forse per il resto del viaggio.

 

Ed effettivamente questo formaggio antico, di latte ovino, nasce secoli fa tra i pastori della bassa Sabina. Oggi, dopo secoli di quasi totale oblio, le tecniche tradizionali di produzione del Cacio Magno sono state recuperate, nei pressi della Riserva Naturale Tevere-Farfa, un ambiente protetto dove il pascolo polifita è coltivato seguendo la conduzione biologica certificata.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

I Pugnaloni, i quadri fioriti di Acquapendente

Nella terza domenica di maggio ad Acquapendente c’è la festa della Madonna del Fiore con la sfilata dei Pugnaloni, enormi quadri di petali di fiori e foglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.