Il mistero della Chiesa di San Vittorino che sprofonda

E’ uno dei luoghi più belli e misteriosi d’Italia: la chiesa di Santa Maria in Vittorino a Terme di Cotilia, nel comune di Cittaducale. L’edificio, imponente, è visibile dalla Via Salaria ma per raggiungerlo si deve percorrere per un breve viottolo, infiltrarsi tra la vegetazione e scendere fino a che ci si trova improvvisamente di fronte ad un edificio che desta stupore poiché dalla sua porta di accesso, inserita in una facciata monumentale giallo ocra, fuoriesce un torrente d’acqua che rende lo spettacolo magico.

Chiesa di San Vittorino - Cittaducale

Foto di @romeinsider

Il frontone del tempio si erge pochi centimetri più in alto delle nostre teste e seminascosta dalla vegetazione, una scritta in lingua latina e la data di costruzione, risalente ai primi anni del ‘600. Con l’ausilio di vecchie passerelle in legno è possibile accedere nell’edificio. Si entra abbassandosi, facendo attenzione a non scivolare e una volta all’interno, ciò che appare alzando lo sguardo è stupefacente e di inquietante bellezza. La sensazione è quella di essere passati oltre, sotto un altro cielo, attraverso una porta del tempo. Tutto è apparentemente immobile, si viene catturati dalla vitalità emanata dalle piante, dagli esseri nascosti tra le canne ed i cespugli.

Lo sguardo scorre lungo i bordi irregolari di ciò che è ancora rimasto in piedi. Piante con le radici attaccate alle pietre e ad una manciata di terra. Quasi sospese nell’aria, annodate su loro stesse, raccontano la lotta tra la ricerca di luce e l’attaccamento alla terra. La natura si sta riappropriando di ciò che gli uomini hanno dimenticato.

Chiesa di San Vittorino - Cittaducale

Foto di @albenank

Posto suggestivo quanto surreale, location imperdibile per i numerosi amanti della fotografia. Scoperto dalla cinematografia, fu set del film russo Nostalghia del regista Andrej Tarkovskij, La chiesa di Santa Maria in Vittorino o chiesa di San Vittorino, si trova nei pressi delle Terme di Cotilia, nel comune di Cittaducale. È nota anche come “la chiesa sommersa”, o “la chiesa che sprofonda”, essendo posta in un territorio dove si trovano molte sorgenti mineralizzate e sono frequenti fenomeni carsici come i sinkhole (sprofondamenti improvvisi del terreno). In epoca romana, al posto dell’attuale chiesa, si trovava un tempio dedicato alle ninfe dell’acqua, realizzato a ridosso di una sorgente considerata sacra.

Sui resti di un tempio pagano venne costruita prima una cripta dedicata a San Vittorino, martirizzato poco distante, e poi l’attuale edificio eretto verso il 350 DC, poi restaurato nel XVII secolo.

Chiesa di San Vittorino - Cittaducale

Foto di @iamsarasalvatore

Gli abitanti della zona narrano che nel 1800, durante una cerimonia religiosa, dall’altare principale scaturì una piccola vena d’acqua, tra il giubilo di chi gridava al miracolo. La piccola sorgente poi si trasformò nel torrente.
Tante sono le legende su questo posto, chi dice che nell’antichità qui si compivano sacrifici poiché questo luogo era considerato la porta dell’inferno. Divenne, poi, luogo di devozione e di pellegrinaggi. Secondo alcune voci, di notte appare una figura che emerge dall’acqua a testa in giù: si tratterebbe proprio di san Vittorino che venne lasciato morire poco distante dalla chiesa, legato per i piedi.

Un’altra leggenda racconta, che fu il santo a provocare lo sprofondamento e che l’acqua che fuoriusciva dalla sua chiesa era miracolosa, dolce e non sulfurea, poteva guarire i malati; la gente del luogo soleva prelevarla e si narra protesse il borgo da tutte le pestilenze.

Continuando a visitare la zona tante sono le opportunità ma per gli amanti del mistero suggeriamo una visita al lago di Paterno, consacrato alla dea Vacuna. Il valore religioso attribuitogli era dovuto al verificarsi di fenomeni considerati misteriosi: Gli autori latini riferiscono che nel mezzo del lago si ergeva un’isola galleggiante (ancora visibile ad inizio Ottocento e oggi scomparsa), coperta da una folta vegetazione, che forse per effetto di fenomeni carsici si spostava frequentemente, scomparendo e riapparendo, era quella che ritenevano fosse la ‘pancia’ della dea.

In alcuni periodi sull’ isoletta che un tempo vi galleggiava si offrivano sacrifici umani o alcuni capi del gregge dei nuovi nati in primavera, per ingraziarsi le divinità della natura che presiedevano l’avvicendarsi delle stagioni e dominavano la forza degli elementi.

Chiesa di San Vittorino - Cittaducale

Oggi si può ammirare il laghetto in tutta la selvaggia bellezza, sedersi sulle sponde ed ammirare la natura circostante riflessa sulle acque e ritrovare nella tranquillità la pace interiore.

Per chi ha un più spiccato spirito da Indiana Jones e per gli amanti del trekking imperdibile è l’Archeosentiero dei Flavi Vespasiani, un percorso ad anello che partendo dalle Terme di Vespasiano a Cittaducale arriva a Castel S. Angelo, ritorna per il Lago di Paterno, le Terme di Cotilia-fino alla chiesa di San Vittorino, un itinerario di particolare interesse archeologico e naturalistico.

Sicuramente una piacevole scoperta per gli amanti delle mete esclusive e ricercate!

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in un'atmosfera mistica, immerso una natura selvaggia, troviamo Farfa, due sillabe, un piccolo borgo, un grande nome che le viene dal fiume che scorre vicino, il Farfarus di Ovidio, il Fabaris di...

La bella Viterbo e la magia del suo “Villaggio di Natale”

Si immagini il grande orologio dipinto su Torre dei Priori a Viterbo, affacciato su Piazza del Plebiscito, con i suoi numeri arabi, lentamente scandire le ore, i giorni, i mesi … E’ trascorso un intero anno, 365 giorni per l’esattezza, senza che per l’aria si...

La Tuscia del Sentiero dei Briganti

Se l’Italia è “terra di santi, poeti, navigatori”, il Lazio è la patria dei briganti, uomini temuti ma anche acclamati dalla popolazione quanto disprezzati da nobili e “sbirri”. Personalità controverse, a volte indecifrabili, che sfuggendo alla legge ed eludendo le...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, circondato da faggi, castagneti e boschi di querce, Picinisco da oggi offre un motivo in più per essere visitato. Il piccolo borgo della Valle di Comino ha avuto il...

Autunno. È tempo di foliage

Ad ottobre per gli amanti della natura e della fotografia inizia uno dei periodi più magici. Le foglie degli alberi cambiano colore, i boschi assumono una nuova veste con intonazioni cromatiche che vanno dall'arancione dorato al rosso intenso, l’aria è più fresca e i...

Immersi nei laghi del Lazio

Negli ultimi anni il sorgere di un turismo slow ed esperienziale ha prodotto un cambiamento nel concetto stesso di viaggio, rivolto ora verso destinazioni ricche di cultura, buon cibo e soprattutto tanto, tanto relax. Ecco allora prediligere i laghi del Lazio dove...

Le calde sfumature della Sabina

In autunno, quando la natura si tinge delle mille sfumature calde che vanno dal rosso, al giallo, al marrone, tanti prodotti tipici stagionali appaiono sulle tavole dei borghi reatini e spesso vengono celebrati in famose sagre. Il borgo dove si incontrano il Cammino...

Percile il piccolo borgo tra boschi e radure dei Monti Lucretili

Una meta ideale per le tiepide giornate autunnali è il piccolissimo borgo di Percile, gioiello immerso tra boschi e radure del Parco dei Monti Lucretili, dove si respira ancora un’atmosfera medievale ed il tempo sembra sospeso. Pronti allora per perdersi tra vicoli,...

Castel Gandolfo: l’elegante centro storico e la passeggiata lungo il lago

Basta una giornata di sole per farci desiderare di visitare uno dei più suggestivi borghi dei Castelli Romani. Castel Gandolfo, famoso per essere la residenza estiva dei pontefici e per i suoi bellissimi giardini che ospitano i resti della Villa di Domiziano e la...

Conosci Piazza di Spagna a Roma?

Turista o romano, avrai risposto “Certo!”. Ma noi ti sveliamo due punti molto poco noti di Piazza di Spagna nel grande sito Patrimonio Mondiale dell’Unesco della Città Eterna. Forse tutti sanno che Piazza di Spagna deve il suo nome all’Ambasciata di Spagna presso la...