Era il 1223 quando San Francesco scelse il piccolo borgo di Greccio per rievocare la nascita del Salvatore. Il luogo somiglia molto a quello che il Santo aveva visto in Palestina a tal punto che realizzò un evento che ancora oggi segna la storia. Dal 1972 ogni Natale a Greccio si rivive quella magica atmosfera, con la Rievocazione Storica del Presepe di Greccio.

San Francesco si ritirò in eremitaggio sul Monte Lacerone, dove oggi sorge una cappella in suo ricordo. Si nara che il Santo già nel 1217 aveva iniziato ad abitare sulla cima del monte Lacerone e scendeva a valle per predicare agli abitanti del paese.

Presepe Vivente di Greccio

La notte del 24 dicembre 1223 San Francesco e i frati diedero vita al primo Presepe Vivente al mondo. All’annuncio dell’araldo gli abitanti di Greccio si avviarono in processione alla grotta per venerare Gesù. Il Bambinello, un bambolotto realizzato da Madonna Alticama, moglie di Velita, sembrò prendere vita tra le braccia di Francesco. Con gioia ineffabile il Santo annunciò come la nascita di Gesù fosse avvenuta in simil tempo, una fredda sera e in povertà assoluta, per la salvezza di tutti in terra.

Nel 1972 la Pro Loco di Greccio mise in atto per la prima volta la rievocazione dell’evento storico. I dialoghi furono tratti dai testi di Tommaso da Celano, biografo di San Francesco d’Assisi, San Bonaventura e Monsignor Terzi. I costumi medioevali da nobili, araldi e popolani, furono presi in prestito dal teatro dell’Opera di Roma e indossati da ragazzi e ragazze di Greccio.

L’ottocentenaria rievocazione si snoda attraverso sei quadri viventi in cui viene mostrata la vita dei francescani a Greccio, l’accoglienza da parte di papa Onorio III della Regola scritta da Francesco per i suoi frati e l’autorizzazione concessa per la realizzazione del presepe. La rievocazione è in una grotta simile a quella di Betlemme per ricordare la povertà in cui era nato il Bambino Gesù.

La suggestiva scenografia, l’incredibile gioco di luci nella notte, la devozione degli interpreti, unitamente alla bellezza naturale del luogo, rendono questa manifestazione unica.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.