La meravigliosa storia dell’approdo della Madonna delle Grazie

Il lungo ed intenso rapporto di amore e di devozione che lega i cittadini di Anzio e Nettuno alla Madonna delle Grazie ha una collocazione storica ben precisa: 1550, anno del Giubileo e dell’approdo della statua lignea della Madonna sulla spiaggia di Nettuno, a tutt’oggi custodita nel Santuario.

La tradizione vuole che la statua lignea provenga dalla cittadina inglese di Ipswich che, agli inizi del XVI secolo era un centro di spiritualità cristiana con una forte caratura mariana. Nella cittadina infatti, vi era un bellissimo Santuario all’interno del quale la statua della Madonna delle Grazie, denominata Our Lady of Grace, era venerata.

Ma i contrasti tra Enrico XIII, Re d’Inghilterra ed il Papa Clemente VII portarono allo scisma anglicano, il doloroso distacco della Chiesa d’Inghilterra dalla comunione con la Chiesa Cattolica Romana: tra il 1537 ed il 1539 vennero emanate leggi che determinarono la definitiva frattura tra le due Chiese.

Ne seguì una furia distruttrice ed iconoclasta che non risparmiò il santuario mariano di Ipswich che venne demolito e la celebre statua di Our Lady fu portata a Londra per essere bruciata, insieme a tante altre immagini sacre.

Alcune evidenze storiche farebbero presupporre che la Madonna di Ipswich fu salvata dalle fiamme grazie ad un vascello che, nel 1550 lasciò le acque inglesi, con l’intenzione di trovare riparo e destinazione a Napoli, dominio della cattolicissima Spagna.

Racconta la tradizione che una violenta tempesta al largo delle coste laziali costrinse i marinai inglesi a cercare rifugio nell’antico porto di Cenone, di origine Volsca, che si trovava tra l’antico borgo marinaro di Nettuno ed il piccolo santuario di San Rocco.

Sempre la tradizione racconta che per tre volte i marinai inglesi cercarono di ripartire e per tre volte il mare si mise in burrasca. Il fenomeno venne interpretato come un segno nel cielo e per questo i marinai decisero di lasciare la sacra immagine al popolo di Nettuno, che la posizionò in un altare della piccola chiesa di San Rocco.

Per il popolo nettunese fu amore a prima vista.

Per ricordare questo importantissimo evento che ha caratterizzato il Rinascimento Nettunese, la Stella del Mare organizza dal 2010 la Rievocazione dell’Approdo della Statua della Madonna delle Grazie.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Buon 2777° compleanno Roma!

Il 21 aprile Roma festeggia il suo 2777° compleanno. Perché si festeggia il 21 aprile? E quali sono le tradizioni da vivere nella Città Eterna? Ecco la storia.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

Più che colazione, brunch di Pasqua nel Lazio

La chiamano colazione di Pasqua ma somiglia di più a un brunch. Inizia appena svegli e finisce prima di tuffarsi sul divano, una vera maratona enogastronomica!

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi