Sola o sul pane casareccio, la salsiccia di Monte San Biagio si produce esclusivamente nella provincia di Latina, a Fondi, Itri e Monte San Biagio ed è tra i prodotti laziali iscritti nell’Elenco Nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali.
Si realizza con le parti più pregiate del maiale, preferibilmente tagliate a mano, vino moscato di Terracina DOC, pepe rosso dolce, peperoncino piccante e semi di coriandolo.
Il sito Internet www.salsicciatipica.it promuove e tutela questo pregiato insaccato insieme alla sagra all’inizio di marzo.

Tre tipologie: fresca, secca e conservata sottolio o sotto sugna.

L’impasto è a grana grossa, con un rapporto tra le parti magre e il grasso che non supera il 25%. Dopo aver riposato almeno 12 ore in contenitori di legno, s’insacca in budella naturali di suino legandola con spago vegetale. Il prodotto è essiccato appeso a delle canne e affumicato con il fumo di legna di mirto e di lentisco.

La stagionatura, nelle cantine o nelle capanne, è di almeno 25 giorni. Per la produzione artigianale, il periodo migliore va da ottobre a marzo, utilizzando suino locale di peso superiore ai 200 kg.
Curiosa la storia della salsiccia di Monte San Biagio che ha origine all’arrivo dei Longobardi (VI secolo) nell’allora borgo di Monticelli, l’attuale Monte San Biagio. Il coriandolo si aggiunge dall’epoca della dominazione dei Saraceni per coprire il sapore della carne di maiale, poiché la religione islamica ne vietava il consumo.

I documenti nella biblioteca comunale di Monte San Biagio raccontano che l’allevamento di maiali era molto diffuso nella Sughereta di S. Vito, il bosco di querce di circa 3.000 ettari intorno al borgo che custodisce ancora vecchi pagliai di pietra e arbusti.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.