Non esiste Pasquetta viterbese senza la scarsella, un dolce che la tradizione considera la più antica tipicità del periodo pasquale.

La scarsella, un tempo veniva fatto con gli avanzi di pasta della pizza di pasqua o con pasta di pane speziato, di origine ortodosse, solitamente veniva regalato come  segno di augurio, prosperità e fecondità.

Prendeva forme diverse, mantenendo sempre l’uovo sodo al centro racchiuso da striscioline di impasto e abbellito con semi di sesamo o diavolina, una borsetta per le bambine, una bambolina per le fidanzate, un cestino in segno di abbondanza o un ometto se era per un fidanzato – il BRACONE .

La tradizione popolare viterbese dà anche un altro significato: infatti si usa dire “A Pasquetta si rompe la Scarsella” perché i giovani potevano avere l’occasione per una scappatella amorosa o di trovare una fidanzata.

Augurandoci che per quest’anno non si interrompa la tradizione culinaria vi diamo la ricetta ………..

250 g di farina,

1 uovo,

3 cucchiai di olio extravergine di oliva,

1 bicchiere di latte,

75 g di zucchero, scorza di limone grattugiata,

2 cucchiaini di lievito in polvere.

Incorporare farina e lievito, aggiungere lo zucchero e la scorza di limone, l’uovo, il latte e un pò di olio.

Impastate delicatamente e date alla vostra Scarsella la forma che più vi piace .

Posizionate l’uovo al centro della scarsella sigillandolo con delle striscioline di impasto, spennellate con il rosso d’uovo e guarnite con diavolina o semi di sesamo.

Cuocete in forno a 180° per circa 30 minuti.

BUONA PASQUA!!!

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Lazio, terra di Patrimonio Mondiale dell’UNESCO

Nel Lazio sono 9 i riconoscimenti inclusi nelle liste materiali e immateriali dell’UNESCO. Eredità di eccezionale valore universale per il mondo intero.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.