Situato a 316 metri s.l.m., il Lago di Nemi o Lacus Nemorensis occupa assieme al vicino lago di Castel Gandolfo​ il fondo dell’antico Vulcano Laziale, attivo fino a 30.000 anni fa.

Il lago si estende per una superficie di 1,67 Kmq circa e raggiunge una profondità massima di 33 metri, meno profondo rispetto al vicino Lago Albano. Nelle sue acque vivono tinche, alborelle e lucci, mentre a frequentarne le sponde sono aironi, svassi, tuffetti e anatre.

Piacevoli e comode passeggiate conducono nella pace dei boschi che popolano le pendici circostanti.

Qui s’incontra il castagno, introdotto in epoca storica, che si associa a lecci, aceri, carpini e noccioli.

La macchia mediterranea avvolge i turisti con i colori e i profumi della ginestra dei carbonai, erica e corbezzoli.

Avvolto da una leggenda che circolava già nel I sec. d.C., riguardante la misteriosa sparizione sul fondo del lago di due navi gigantesche, “Nemi” prende il suo nome da Nemus Danae, bosco sacro dedicato alla Dea, che pare sorgesse non lontano dal lago.
Noto infatti fin dall’antichità col nome di specchio di Diana, sulle rive del lago si trovano ancora i resti del tempio dedicato alla Dea, che evidenziano l’importanza storica da sempre assegnata al luogo.
Le due navi, lunghe 70 e larghe più di 25 metri, sembrerebbero invece essere state fatte costruire dall’imperatore Caligola proprio in onore della Dea della Caccia. Delle navi resta traccia nel Museo ad esse dedicato a Nemi.

 

Lago di Nemi

Lago di Nemi

Social share
INFO UTILI
distanza da Roma 30km
da non perdere Itinerari naturalistici - Castelli Romani
sito web

SCOPRI ANCHE

Lago Albano o Lago di Castel Gandolfo

Il lago Albano, o lago di Castel Gandolfo, è un lago di origine...

Lago di Sabaudia o di Paola a Sabaudia

Il Lago di Sabaudia (o di Paola) è il più meridionale dei quattro...

Lago di Fondi

Il Lago di Fondi è nel Parco Naturale Monti Ausoni e Lago di Fondi,...

Il Lago del Salto tra fiordi, borghi e mistero

Il Lago del Salto è il più grande bacino artificiale del Lazio,...