Il Marrone segnino è marrone rossiccio, tendente al rossiccio, con striature scure evidenti e di dimensione medio-grossa. È un frutto di forma ovale, dalla polpa croccante di sapore dolce.

Molto ricercato dalle industrie dolciarie per il suo alto valore zuccherino, il marrone ha trovato in questa zona dei Monti Lepini il suo habitat più idoneo nel 1500, quando, in occasione del matrimonio di Mario Sforza e Fulvia Conti, vennero trasferite piante di castagno prelevate dal territorio di Santa Fiora, sulle pendici dell’Amiata. Ancora oggi, il marrone segnino si coltiva a Carpineto Romano, Gorga e Segni, e da questo piccolo borgo prende il nome.

Si gusta fresco, secco, arrosto, lesso o candito; e ancora, in creme e dolci, come il marron glacé e le farine.

Alla Sagra del Marrone di Segni, tradizionalmente nella seconda metà di ottobre da più di sessanta edizioni, sfila un palio medioevale che fa da sfondo alla degustazione di piatti e prodotti tipici a base di marroni: dai primi con farina di marroni ai secondi di carne insaporiti con marroni, fino ai dolci.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Seguendo l’eco del Liri in 4 borghi ciociari

L’acqua caratterizza la Ciociaria. Seguiamo l’eco del Liri nei 4 borghi che portano il suo nome: Castelliri, Fontana Liri, San Giorgio a Liri, Isola del Liri.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!