Le melangole sono arance amare che un tempo erano molto diffuse nella Maremma Laziale; il loro succo veniva spesso utilizzato per insaporire alcuni tipi di acquacotta.

A Canepina per il clima non proprio favorevole a queste piante, l’uso delle melangole era dovuto dal fatto che i canepinesi, commercianti agricoli, avevano imparato ad utilizzarle per un pasto frugale.

Oggi non è molto facile trovarle in commercio ma si trovano allo stato selvatico in terreni soleggiati sulle coste tirreniche o in giardini come alberi da ornamento.

Per gli ingredienti di questa ricetta occorrono 4 o 5 melangole, olio, aglio, sale e pepe.

Per la preparazione si tagliano a metà le melangole, si lessano in acqua salata e poi si lasciano a bagno per qualche ora in acqua fredda.

Dopo averle scolate si condiscono con olio, sale, pepe, un trito di aglio e si mettono a cuocere in una padella con un filo d’olio avendo l’accortezza di metterle a cuocere prima dalla parte della buccia.

Schiacciarle con un cucchiaio per permettere una cottura migliore e poi rigirarle.
Il consiglio è di mangiarle sopra una fetta di pane bruscato.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.