Il Museo archeologico del Cicolano (MAC), inaugurato nel 2016, possiede una collezione di materiali provenienti da necropoli, santuari e ville fra cui spiccano i corredi delle tombe del Tumulo di Corvaro. Il Cicolano (ager Aequiculanus), prende il nome dai suoi abitanti, gli Equicoli, descritti da Virgilio come “sempre in armi e dediti alla rapina, al saccheggio e alle cacce nei boschi” e rappresenta la testimonianza più rilevante di quello che è giunto sino ad oggi a noi del popolo degli Equi.
Il tumulo di Corvaro è un monumento funerario collettivo e architettonicamente complesso. Tra la metà del IX e gli inizi dell’VIII secolo a.C. nell’area esistevano al posto del tumulo delle tombe più piccole a tumulo.
Tra la metà e la fine del VII secolo a.C. in questa necropoli fu sepolta una giovane donna di circa 22 anni, che in vita era stata in personaggio di una certa rilevanza nel suo gruppo sociale. Fu sepolta con preziose collane in elettro e una stola in cuoio a placche di bronzo traforate con cervi e abbellita da figurette di papere dorate. Fu deposta anche una sacca con serpenti, roditori e piccoli uccelli.
Sulla tomba di questa donna si volle costruire un tumulo che fosse anche un simbolo per la collettività che complessivamente raggiunse l’altezza di 50 metri di diametro e quattro metri di altezza.
Ne corso del VI sec. a.C. molti uomini e donne cominciarono a volersi far seppellire presso il tumulo per cui le tombe cominciarono ad assumere un aspetto radiale rispetto al centro e ad accumularsi le une sulle altre.
Con la progressiva romanizzazione il tumulo perde sempre di più la sua importanza, fino ad essere quasi dimenticato.
Dal 1984 al 2009 gli scavi condotti dalla Sovrintendenza hanno riportato alla luce 368 sepolture, documentati i corredi funerari, i resti umani e la struttura generale del monumento.

CONTATTI
Museo archeologico del Cicolano – via San Francesco s.n.c., 02021 Corvaro di Borgorose (RI)
Tel.: 342.7543587
email: info@museoarcheologicocicolano.it
sito web: www.museoarcheologicocicolano.it/
facebook: https://www.facebook.com/MuseoArcheologicoCicolano/?locale=it_IT

 

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

I Pugnaloni, i quadri fioriti di Acquapendente

Nella terza domenica di maggio ad Acquapendente c’è la festa della Madonna del Fiore con la sfilata dei Pugnaloni, enormi quadri di petali di fiori e foglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.