Museo archeologico del Pellegrino

Il Museo del Pellegrino nasce a Campagnano come tappo della Via Francigena.
L’esposizione dei reperti archeologici nel percorso espositivo è organizzata secondo un filone cronologico e uno topografico secondo due temi narrativi: il territorio e il viaggio.
Il museo è allestito nelle ex stalle di un reparto di carabinieri pontifici a cavallo destinato alla vigilanza della via Cassia e del Corso Postale. il museo racconta storie di etruschi, di romani e soprattutto storie dei pellegrini che hanno attraversato queste strade, lungo il percorso della via Francigena, una delle più importanti strade di collegamento tra Europa e Terra Santa.
La vocazione del territorio, legata al viaggio è profondamente radicata in questo territorio, soprattutto per la presenza della Via Cassia, Amerina e della citata Via Francigena.
Il logo stesso del Museo riprende il simbolo della “Mansio Ad Vacanas”, ossia la stazione di posta, riprodotta nella Tabula Peutingeriana, ossia una copia medievale di una carta stradale dell’Impero risalente al IV secolo d. C.
Il museo è nato per i viaggiatori e non si pone come punto di arrivo ma come una porta per una percorso esperienziale del territorio, attraverso la conservazione di uno splendido patrimonio materiale.

 

CONTATTI
Museo archeologico del Pellegrino – piazza Regina Elena 15, 00063 Campagnano di Roma (RM)
Tel.: 06.90156248
email: map@comunecampagnano.it
facebook: facebook.com/mapcampagnano

 

 

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel S.Elia

Da Nepi, alle cascate naturali, alla Basilica di Sant’Elia gioiello in stile romanico, l’itinerario in questo angolo dell’alta Tuscia è pieno di meraviglie.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!