Museo archeologico di Atina e della Valle di Comino Giuseppe Visocchi

Il Museo archeologico di Atina e della Valle di Comino è ospitato in un elegante edificio di stile classico.
Il percorso espositivo si snoda in cinque ampie sale, con materiali riferibili ad un periodo storico che va dall’VIII sec a.C. al tardo medioevo, provenienti dal territorio atinate e da altri comuni della valle in particolare dalle necropoli di Ominimorti a San Biagio Saracinisco e dal santuario italico di Casale Pescarolo a Casalvieri.
Nella prima sala sono esposti i resti di un leone funerario e della camera di una necropoli di Atina.
La seconda e la quarta sala ospitano i corredi funerari provenienti da tre distinte necropoli ubicate nell’area del Monte Santa Croce a San Biagio Saracinisco, databili fra il VII e il V sec. a.C. e fra il IV e il III sec. a.C.
In queste sale la collezione è costituita prevalentemente da ceramiche di epoca preromana. Sempre ascrivibili a questo periodo armi in ferro e in bronzo e altri accessori dell’equipaggiamento da guerriero.
Nella terza sala diversi plastici ricostruiscono fedelmente schieramenti militari sempre di epoca romana.
Nell’ultima sala sono state ricostruite due necropoli provenienti da San Biagio Saracinisco.
La sala ospita anche alcuni ex voto provenienti dal santuario italico di Casale Pescarolo a Casalvieri.
L’esposizione è completata e arricchita dal percorso multimediale “Medioevie: Raccontare il Medioevo nel Frusinate” che consente di scoprire abazie, eremi e castelli del Lazio meridionale.

CONTATTI
Museo archeologico di Atina e della Valle di Comino Giuseppe Visocchi – via Vittorio Emanuele II, 03042 Atina (FR)
Tel.: 0776.628100 – 349.2603957
email: museoatina@gmail.com
sito web: www.museoatina.com/
facebook: https://www.facebook.com/museoatina/

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

I Pugnaloni, i quadri fioriti di Acquapendente

Nella terza domenica di maggio ad Acquapendente c’è la festa della Madonna del Fiore con la sfilata dei Pugnaloni, enormi quadri di petali di fiori e foglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.