Il museo archeologico oraziano di Licenza conserva e espone principalmente i beni storico archeologici provenienti dalla villa corrispondente al fundus in Sabina donato a Q. Orazio Flacco da Ottaviano Augusto, tramite Mecenate, tra gli anni 33 – 32 a.C. e al territorio relativo al Comune di Licenza.
Il primo nucleo, in esposizione presso il Palazzo Orsini oggi Museo archeologico Oraziano, proviene dagli scavi effettuati tra il 1911 e il 1915 sotto la direzione dell’archeologo Angelo Pasqui.
Il museo è in linea con le tendenze e il gusto dell’Italia post-unitaria di democratizzazione e laicizzazione dei beni culturali per una maggiore del patrimonio artistico nazionale.
Ciò è visibile già dal primo allestimento degli anni Venti e dall’esposizione dei numerosi calchi in gesso dei maggiori monumenti funerari a fregio dorico della Sabina, oggi visibili nel “tinello grande” del Palazzo.
Il nucleo originale della collezione è sostanzialmente rimasto intatto ma arricchito negli anni con pannelli e supporti informativi che danno una rappresentazione dettagliata degli aspetti storici, archeologici e legati al territorio.
Il percorso visita si sviluppa in tre sale. Nella prima sala viene presentato diverso materiale storico-archeologico che ha l’obiettivo di ricostruire i fasti della villa e le caratteristiche del territorio limitrofo nelle età preistorica, romano-repubblicana, imperiale e medievale, mediante pannelli didascalici e ricostruzioni di ambienti e dettagli architettonici.
La raccolta di reperti archeologici comprende diverso materiale proveniente dalla casa tra cui elementi architettonici come capitelli di lesena, un unicum rappresentato da una fontana, statue e bassorilievi perlopiù provenienti dal complesso termale. Molto interessante la collezioni degli oggetti di uso quotidiano provenienti dalla villa come vasellame, monete e utensili di vario genere.
Di grande pregio la raccolta di stucchi e pitture risalenti al periodo augusteo e i pavimenti musivi tuttora visibili in alcune parti della villa. Colpiscono le pitture per la raffinatezza delle decorazioni e delle scelte dei disegni come le raffigurazioni dell’Aquila, l’aquila trionfale messaggera di Zeus, l’aquila romana, molto espressivi del gusto del proprietario.
Il percorso così composto è stato realizzato nel 1993 in occasione del bimillenario Oraziano caduto.

CONTATTI
Museo archeologico oraziano – piazza Palazzo 9, 00029 Licenza (RM)
Tel.: 0774.46225
email: infolicenzamusei@gmail.com
sito web: www.licenzamusei.it/

 

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

I Pugnaloni, i quadri fioriti di Acquapendente

Nella terza domenica di maggio ad Acquapendente c’è la festa della Madonna del Fiore con la sfilata dei Pugnaloni, enormi quadri di petali di fiori e foglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.