Museo civico archeologico Trebula Mutuesca di Monteleone Sabino

Il museo è stato inaugurato nel 1995 ed è stato realizzato dal Comune di Monteleone Sabino, dall’allora Soprintendenza Archeologica del Lazio e con il contributo della Regione Lazio.
I reperti esposti provengono dall’antico centro di origine sabina e dal territorio circostante, tracciando un itinerario storico archeologico che dall’età preromana arriva al medioevo.
Poco dopo l’ingresso al museo, è esposto un leone funerario del I sec. a.C. che originariamente sorvegliava l’accesso ad un sepolcro romano.
Il museo è allestito con diversi pannelli descrittivi la geologia e la storia del territorio di Trebula Mutuesca, menzionata già nell’antichità da autori quali Virgilio, Strabone e Plinio il Vecchio.
Per l’età preromana i reperti archeologici di maggior interesse fanno riferimento ai culti della dea Angitia e della dea Feronia. Le teche centrali ospitano un’interessante collezione di materiali di un’area sacra databile tra il IV e il III sec. a.C., presso la chiesa di S. Vittoria: ex voto, oggetti miniaturistici e altre offerte alle divinità.
Tra i reperti scultorei di età romana si segnalano diversi rilievi raffiguranti scene ludiche e di gladiatori.
La seconda sala è dedicata all’anfiteatro di Trebula Mutuesca, con frammenti di statue in bronzo e marmo, oggetti di uso quotidiano, decorazioni. Al centro si erge l’epigrafe monumentale di Traiano, l’imperatore che fece costruire l’anfiteatro. E’ stata rinvenuta diversa tipologia di ceramica, che attesta la storia dell’anfiteatro anche nel periodo successivo al suo abbandono. Nella sezione epigrafica sono esposte alcune iscrizioni latine. Nell’ultima sezione sono esposti reperti dell’età tardo antica e medievale.
CONTATTI
Museo civico archeologico Trebula Mutuesca di Monteleone Sabino – via Lucio Mummio 11, 02033 Monteleone Sabino RI 
Tel.: 0765.884014 – 340.8634586
Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

I Pugnaloni, i quadri fioriti di Acquapendente

Nella terza domenica di maggio ad Acquapendente c’è la festa della Madonna del Fiore con la sfilata dei Pugnaloni, enormi quadri di petali di fiori e foglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.